Indietro
menu
lascito alla Fondazione

Inaugura a palazzo Buonadrata la nuova biblioteca Malaguti

In foto: palazzo Buonadrata sede Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 20 giu 2022 14:36
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sarà inaugurata pubblicamente mercoledì 22 giugno alle ore 18 a Palazzo Buonadrata su corso d’Augusto a Rimini la nuova Biblioteca Malaguti, a seguito della donazione fatta alla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini da parte della famiglia del Dottor Antonio Malaguti di Santarcangelo, intenzionata a non disperdere il pregevole lascito librario dell’eminente medico. Interverranno Mauro Ioli, Presidente della Fondazione, e gli studiosi Simonetta Nicolini e Alessandro Giovanardi.

Antonio Malaguti (1894 – 1977), notissimo primario dell’Ospedale di Santarcangelo, fu una brillante figura di medico umanista, erudito, cultore della storia della medicina, capace di cimentarsi e dilettarsi di letteratura, filosofia, poesia, teatro e culture dialettali. La sua biblioteca è ora esposta in una sala di Palazzo Buonadrata. Particolarmente rappresentata è la parte dedicata alle antologie letterarie, alle raccolte poetiche, alle edizioni di aforismi di cui Malaguti fu un vero e proprio collezionista. Tra i periodici, si segnala tra l’altro una ricca serie dei fascicoli de “La Nuova Antologia”, distribuiti tra la fine degli anni Trenta e gli anni Settanta del secolo scorso.

La Biblioteca Malaguti accoglie inoltre una piccolissima parte del fondo Augusto Campana, anch’esso di proprietà della Fondazione, il cui corpus – forte di oltre 25.000 volumi e 15.000 opuscoli – è depositato e custodito presso la Biblioteca Civica Gambalunga. Di comune accordo con la stessa Gambalunga, si è deciso di lasciare in Palazzo Buonadrata alcuni volumi, corrispondenze e carte di studio, anche per sottolineare il legame che unì i due illustri personaggi.

Augusto Campana (1906-1995), grande e versatile studioso, filologo, storico, paleografo, tra i principali maestri del Novecento, fu infatti concittadino di Malaguti e risulta tra i corrispondenti e amici del primario santarcangiolese con cui condivideva interessi e letture.

E’ un onore per la Fondazione conservare e valorizzare il portato culturale che emerge dal lascito Malaguti” – dice Ioli. “Attraverso i fondi Campana ed ora anche Malaguti, mettiamo a disposizione degli studiosi, dei ricercatori e di quanti amano le materie umanistiche una ricchissima documentazione che rappresenta anche una memoria storica di primario rilievo per la crescita culturale delle nostre comunità locali”.

La nuova Biblioteca Malaguti è stata curata da Alessandro Giovanardi per il riordino e la scelta dei volumi e dall’arch. Carlo Cabassi per la parte allestitiva, ed è una delle realizzazioni che sottolineano la ricorrenza – nel 2022 – dei 30 anni di attività della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini.

Meteo Rimini
booked.net