Indietro
menu
5/600 euro pro capite

Trasporto pubblico locale. C'è l'accordo sul premio per il lavoro durante il Covid

In foto: un autobus Start Romagna
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 25 mag 2022 12:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Prosegue il percorso di confronto tra START Romagna e le organizzazioni sindacali, iniziato con l’accordo del marzo 2022 sull’indennità destinata ai lavoratori (autisti e officine) che guidano i mezzi ad alta capacità. Martedì è stato sottoscritto un nuovo accordo su un premio aziendale per il lavoro svolto da tutti i lavoratori e le lavoratrici durante la difficile fase della pandemia nel 2021. Si tratta, spiegano Filt-Cgil Fit-Cisl Faisa-Cisal Emilia-Romagna, di un montante economico pari a 572.000 euro che sarà ripartito in base alle presenze effettivamente lavorate, per una media di 5/600 euro pro capite.
È certamente un risultato straordinario – commentano i sindacati –, visto il periodo che l’azienda ha vissuto, nel quale sono drasticamente calati gli utenti e di conseguenza i ricavi dalla vendita dei titoli di viaggio, compensati, in parte, dai ristori del governo.
Questo accordo si inserisce in un momento storico ed economico molto complicato nel quale si trovano tutti i lavoratori e le lavoratrici, anche quelli di Start Romagna, in cui si sta provando a dare una parziale risposta all’emergenza retributiva e si sta cercando di attenuare il problema del caro-bollette“.
Il premio tiene conto delle presenze su base mensile ed è uguale per tutti i dipendenti, cioè non è riparametrato.
Questo – spiegano le parti sociali – per andare anche incontro soprattutto a quei lavoratori e a quelle lavoratrici che sono da poco entrati nel mondo del lavoro e scontano uno stipendio più basso dei colleghi più anziani“.
Secondo Filt-Cgil Fit-Cisl Faisa-Cisal Emilia-Romagna “questo accordo getta le basi per una nuova stagione sindacale in una azienda che sconta una conflittualità molto alta, che auspichiamo possa invece essere ricondotta in un ambito di dialogo e disponibilità delle parti come si è dimostrato in queste occasioni“.