Indietro
menu
contro il dolore cronico

Da Inner Wheel e Rotary 3.400 euro a favore della Fondazione Isal

In foto: la consegna
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 7 mag 2022 16:58 ~ ultimo agg. 18:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Grazie a un’iniziativa del club “Inner Wheel Rimini e Riviera” alla quale hanno aderito anche i Rotary di Rimini e Rimini Riviera, è stato consegnato ieri alla Fondazione Isal di Rimini contro il dolore cronico un assegno da 3.400 euro. I fondi raccolti serviranno in particolare all’acquisto di un bio-marker dedicato alla diagnosi precoce di fibromialgia.
Presenti alla consegna la presidentessa di Inner Wheel Bruna Pizzioli, l’assessore alla sanità del comune di Rimini Kristian Gianfreda, il presidente del Rotary Rimini Riviera Marco Alessandrini e del Rotary Rimini Maurizio Bonora.

Ha ricordato Bruna Pizzioli: “Abbiamo aperto una campagna di raccolta fondi a favore di Isal, una delle associazioni più importanti d’Italia (che ha sede proprio a Rimini) nella lotta contro il dolore cronico. Il dolore cronico è spesso collegato a malattie o disturbi che colpiscono le donne e abbiamo trovato in Isal sempre grande sostegno e sensibilità”.

Il dott. William Raffaelli, Presidente di Fondazione Isal ha invece spiegato come verrà impiegato l’assegno ricevuto: “Quanto raccolto servirà alla nostra Fondazione impegnata su diversi settori di ricerca. Il primo riguarda la necessità di identificare un bio-marker dedicato alla diagnosi precoce di fibromialgia, patologia che genera dolore severo in più di 3milioni di donne in Italia. Si tratta di un progetto che la Fondazione sta portando a termine dopo 4 anni di lavoro insieme all’Università La Sapienza e al San Raffaele di Roma. Questo progetto coinvolgerà anche l’area del dolore oncologico in collaborazione con l’IRCSS dell’Istituto Tumori della Romagna. Questi due progetti completano l’area di ricerca di Isal, impegnata altresì con l’Istituto Superiore di Sanità nella ricerca sulla genetica del dolore e con il Polo TecnoAlgos del San Raffaele di Sulmona dove si sta sperimentando un nuovo trattamento per la cura del dolore nei giovani pazienti con lesioni del midollo spinale”.

L’assessore Kristian Gianfreda nel portare il saluto della Città ha dichiarato: “Ringrazio vivamente per questo gesto di aiuto da parte di importanti realtà cittadine.  Negli ultimi anni sempre più la società civile condivide con noi della pubblica amministrazione il peso, l’onere e l’onore verso attività di sostegno alla comunità”.

Isal nasce nel 1993 come Istituto di Formazione e Ricerca in Scienze Algologiche, con lo scopo di promuovere la formazione medica e la ricerca sul tema del dolore cronico. Dall’esperienza dell’Istituto ISAL nel 2007 nasce la Fondazione ISAL per sostenere la ricerca nell’ambito della terapia del dolore oltre che la comunicazione sociale. Dal 2009 ogni anno la Fondazione organizza e promuove l’appuntamento Cento città contro il dolore, una giornata che ha l’obiettivo della sensibilizzazione sociale e dell’informazione sul tema del dolore cronico.