Indietro
menu
7,5 milioni da tassa di soggiorno

Rendiconto chiude con 157,4 milioni, 15 in più del 2020

In foto: palazzo Garampi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 26 apr 2022 16:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La V Commissione consigliare di Rimini ha dato parere favorevole al rendiconto di gestione 2021, il documento che delinea e verifica la realizzazione degli obiettivi programmati con il Bilancio di Previsione approvato dal Consiglio comunale.  L’anno si è chiuso con un risultato positivo complessivo di amministrazione di 157,4 milioni di euro, in crescita di 15 milioni rispetto al rendiconto 2020.  L’avanzo libero è di circa 18 milioni di euro, risorse che serviranno per mettere in campo ulteriori misure di supporto alla ripartenza dell’economia locale e per la messa in campo di opere e di infrastrutture strategiche.

Tra i dati da segnalare, i 7,5 milioni circa di entrate da imposta di soggiorno, quasi 4 milioni in più rispetto al 2020, annata ovviamente compromessa dal Covid. Nonostante la conferma di tutte le agevolazioni anche per il 2021, si è registrato un aumento di entrate da Imu:  circa 730 mila euro per il gettito ordinario e di oltre 1 milione di euro per il recupero evasione

Un risultato importante, difficile per le conseguenze della pandemia sull’economia del paese – sottolinea l’assessore al Bilancio Juri Magriniottenuto senza andare ad alzare la pressione fiscale, ma, al contrario, garantendo una serie corposa di agevolazioni e di aiuti alle famiglie e alle imprese necessari nella fase di emergenza sanitaria che oggi finalmente appare alle spalle. Questo nonostante il taglio dei trasferimenti dallo Stato, ridotti di circa 17 milioni rispetto al 2020”.   

Parere favorevole dalla V commissione anche alla variazione di bilancio, che nella parte degli investimenti, prevede il finanziamento di opere di pannelli fotoassorbenti per la mitigazione acustica (500mila euro), per la manutenzione degli edifici culturali e in particolare degli Agostiniani (170.000 euro) e per l’acquisto di attrezzature per il giardino del Museo, allo scopo di promuovere attività rivolte a bambini e famiglie anche nel periodo estivo (60.000 euro)