Indietro
menu
Tensioni verso il voto

Niente candidatura. Pontrandolfo spiega il venerdì nero nella sede elettorale

In foto: Roberta Pontrandolfo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 30 apr 2022 20:48 ~ ultimo agg. 3 mag 07:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un episodio che l’ha profondamente colpita e l’ha spinta a fare un passo indietro rispetto alla scelta di candidarsi nella lista Riccione Civica a sostegno di Claudio Cecchetto. Ha raccontarlo è Roberta Pontrandolfo, ideatrice di CreArte e del format “Quella Volta a Riccione”, spiegando che la decisione di partecipare alle amministrative aveva come “conditio sine qua non” “quello di poter agire in ambiente sereno ed accogliente“. Ma le cose non sono andate in questo modo. La Pontrandolfo racconta infatti di essere stata inaspettatamente presa di mira “da una candidata della lista Cecchetto utilizzando parole false e denigratorie davanti a lui e ad altri candidati e collaboratori del comitato elettorale“. Un comportamento che sarebbe arrivato, tra l’altro, da una persona “con la quale c’è sempre stata reciproca stima ed apprezzamento“. “Ho sempre promosso un modo pacato ed intimo di comunicare e di raccontare questo territorio – spiega la Pontrandolfo – attraverso i suoi protagonisti, con i quali ho instaurato un rapporto di empatia e reciprocità che ci tengo particolarmente a salvaguardare”. A peggiorare ulteriormente le cose, il fatto che non siano arrivati, spiega sempre la Pontrandolfo, messaggi o gesti di solidarietà dalle persone che hanno assistito alla scena. “Questa circostanza per me è purtroppo inaccettabile e mi costringe non solo a lasciare questa lista“. “Oggi più che mai, abbiamo bisogno di pace e amore” conclude.