Indietro
menu
Montescudo Montecolombo

Torri Unite: sui lavori pubblici del comune i conti non tornano

In foto: foto di gruppo per la Lista Torri Unite
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 27 mar 2022 09:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sui lavori pubblici del comune di Montescudo Montecolombo inizia a vedersi la mano della nuova amministrazione, e non in maniera positiva. La denuncia arriva dalla lista di minoranza Torri Unite di cui fa parte la ex sindaca Elena Castellari. “Martedì prossimo – si legge in una nota – torna a riunirsi il Consiglio Comunale, con all’ordine del giorno il piano triennale dei lavori pubblici. Come già detto, la maggior parte degli interventi sono ereditati dalla precedente Amministrazione comunale, segno che le cose le avevamo fatte e anche bene. Detto questo, la mano dei nuovi amministratori si inizia a vedere, anche se c’è molta opacità nella loro azione“. Torri Unite entra poi nel dettaglio degli interventi del DUP e cita “un capitolo dal titolo ambiguo: “Manutenzioni a immobili comunali per quasi 70.000 da concedere in comodato”. Quali sono questi immobili? Si sentono girare voci che parlano anche della sistemazione della Chiesina di San Marco, chiederemo spiegazioni al Sindaco Casadei. Come gli chiederemo conto dell’acquisto di un immobile per quasi 240.000 euro da adibire a magazzino comunale, perché in realtà per le attrezzature del Comune è sufficiente il magazzino che si sta utilizzando adesso – che è quello nell’ex municipio di Monte Colombo -. Forse vogliono destinare quel magazzino alle tante attrezzature delle Pro Loco?
A non convincere la minoranza è anche “la realizzazione di un nuovo ingresso pedonale per 50.000 al Cimitero di Trarivi”, su cui abbiamo parecchi dubbi possa essere portata avanti, perché c’è un vincolo delle Belle Arti che non permetterà di realizzare questa cosa. Mentre ci ricordiamo un’interrogazione di Forum Civico, con tanto di raccolta firme per l’ampliamento del cimitero di Monte Colombo, eppure nel DUP appena redatto – anche da diversi esponenti dell’allora opposizione che oggi siedono in maggioranza o in Giunta – non c’è traccia di tale opera: quindi non era una cosa che serviva davvero“.
Totti Unite evidenzia anche che la voce “Installazione telecamere” è presente due volte nel documento per un totale di quasi 500.000 euro. “Come annunciato in più occasioni dall’Amministrazione in carica – si legge nella nota -, quest’opera si doveva finanziare con i risparmi della Giunta, ma non crediamo sia una cosa realizzabile perché per ora si è tagliato parzialmente l’indennità solo il Sindaco (dovrebbe rimanere in carica 20 anni per realizzare l’opera), il resto della giunta invece non ha abbassato nulla. Anzi c’è anche qualcuno che chiede il “permesso retribuito”, cosa che noi non avevamo mai fatto“. Torri Unite avanza dubbi anche sull’inserimento nel DUP della “Costruzione nuovo plesso scolastico a Montescudo” per 3 milioni di euro perchè privo di studio di fattibilità, “senza contare – si legge – che l’area che hanno individuato non ha nemmeno la destinazione urbanistica adatta perché è in un’area molto scoscesa. Anche in questo caso, sarebbe meglio che utilizzassero il nostro progetto che è già pronto“.
La minoranza avanza anche il sospetto che il vero motivo della convocazione del Consiglio Comunale sia il finanziamento da 150mila euro ottenuto dall’amministrazione per il Ponte Marazzano “ma questo intervento nel DUP non c’è, per cui bisogna convocare un Consiglio per inserirlo. Probabilmente i cittadini non sono tenuti a conoscere queste procedure, che sono la quotidianità per gli amministratori pubblici. E questo in Giunta dovrebbero saperlo, visto ci sono tre persone che hanno già ricoperto il ruolo di Sindaco” conclude Torri Unite.