Indietro
menu
verso il voto

Riziero Santi: a Riccione o si cambia o si perde un'altra volta

In foto: Riziero Santi e Renata Tosi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 13 feb 2022 12:38 ~ ultimo agg. 14 feb 11:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Linguaggio politichese lontano dalla gente, perdita di tempo in estenuanti trattative al chiuso. E’ ciò che contesta il presidente della provincia Riziero Santi al centro sinistra riccionese in un post sulla sua pagina facebook. Il presidente afferma: “se il centro sinistra vuole vincere deve fare proposta radicale e non basata su spartizione dei posti di comando”. Da più parti si parla di un candidato civico: “Il civismo e il campo largo – scrive – sono garantiti dalla qualità, dalla radicalità della proposta e dalla credibilità di chi la interpreta non dal grado di indipendenza dai partiti” Santi, se non si farà così, si perderà clamorosamente un’altra volta.
Il post
A Riccione si sta perdendo tempo. Con queste modalità, queste trattative estenuanti al chiuso e questo linguaggio politichese, usato spesso per professare il nuovo, non si va da nessuna parte. Si è lontani dalla realtà e dalla meta. Ho visto partire ancora una volta dal “chi di noi fa cosa”, ragionando con schemi vecchi e superati, incomprensibili alla gente comune.
Per vincere bisogna dare una sferzata, parlare il linguaggio della concretezza, offrire una visione, un sogno, stimolando il risveglio dal torpore e dalla rassegnazione dei riccionesi, oppressi da anni di litigiosità, di difficoltà e di ritardi. Bisogna parlare di lavoro, di qualità della città, di sicurezza sociale e di futuro.
Bisogna presentarsi in campagna elettorale con un progetto forte di cambiamento e con una squadra di persone competenti e motivate, lasciando stare gli equilibri politici fra entità, politiche e civiche, con scarsa rappresentatività e consenso e spesso lontane da una città che negli anni è cambiata e che nessuno conosce ed è capace di rappresentare realmente nella sua complessità.
Per quanto riguarda il/la candidato/a  Sindaco, chiunque esso/a sia, anche del Pd perchè non è questo il problema, gli va affiancata una squadra di persone che sanno, che sanno fare e che fanno, e che sappiano separare l’indirizzo dalla gestione, svolta da una buona struttura manageriale.
Insomma, se il centrosinistra vuole vincere deve giocare su radicalita’ e qualità della proposta e sulle competenze, non sulla spartizione dei posti di comando, fatta col manuale Cencelli, e sulle ambizioni personali.
Il civismo e il campo largo sono garantiti dalla qualità, dalla radicalità della proposta e dalla credibilità di chi la interpreta non dal grado di indipendenza dai partiti, che sono comunque un baluardo della democrazia. A me i cittadini a Gemmano, comune di destra, non hanno mai chiesto e non chiedono che tessera ho in tasca (lo sanno) ma cosa posso fare per loro e per Gemmano. Il civismo si concretizza attraverso il coinvolgimento, la partecipazione e le persone, non le élite. Se si vuole vincere. Altrimenti si perderà clamorosamente anche questa volta.