Indietro
menu
da maggio

Ripascimento costa romagnola: una nave al largo per la sabbia

In foto: la Capitaneria di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 21 feb 2022 11:23 ~ ultimo agg. 13:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono stati consegnati, da parte della Regione Emilia Romagna, i lavori di “messa in sicurezza dei tratti critici del litorale nelle provincie di Rimini, Forlì-Cesena, e Ravenna con sabbie sottomarine da aree off-shore”, che interesseranno sette siti per una estensione complessiva di litorale di circa 11 km: Lido di Dante, Milano Marittima, Punta Marina, Cesenatico, Igea Marina, Riccione, Misano. L’obiettivo è quello di emanare ordinanze di polizia marittima e sicurezza della navigazione uniformi da parte di tutti gli uffici marittimi per consentire il corretto e sicuro svolgimento degli interventi.

Nei giorni scorsi si è tenuto presso il Comando della Capitaneria di Porto di Rimini una riunione di coordinamento tecnico – operativa voluta dalla Direzione Marittima di Ravenna, per valutare tutti gli aspetti connessi con la navigazione per la parte che riguarda gli interventi in mare e disciplinare tutte le interferenze con le ordinarie attività marittime. Gli interventi che interessano lo specchio acqueo davanti al litorale prevedono la presenza, sino ai primi giorni del mese di maggio, di una unità navale che, mantenendosi al largo, farà defluire sedimenti sabbiosi lungo i tratti di litorale stabiliti mediante una condotta perpendicolare alla costa la cui presenza sarà segnalata per i naviganti che dovranno prestare la massima attenzione.

All’incontro, oltre personale della Guardia Costiera di Rimini e Ravenna, hanno partecipato anche rappresentanti della Regione Emilia Romagna e della ditta, oltre ai rispettivi direttori dei lavori. Il Comandante della Capitaneria di Porto di Rimini, Capitano di Fregata Marcello Monaco, raccomanda a tutta l’utenza interessata, le marinerie locali, i sodalizi nautici e di diportisti, a prestare la massima attenzione ai provvedimenti in vigore, ai segnalamenti ed alla navigazione in genere nelle aree di operatività dei mezzi speciali e delle attrezzature presenti.