Indietro
menu
Lungo e complesso intervento

Cantieri SS16, si parte da via Montescudo. Da marzo a maggio prima fase critica

In foto: i cantieri
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 24 feb 2022 11:59 ~ ultimo agg. 25 feb 14:03
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Entrano nel vivo i lavori per il definitivo superamento dei buchi neri’ della Statale 16 a Rimini attraverso una serie di interventi che consentiranno di ricucire la storica frattura del territorio, compattando la città a mare e a monte dell’Adriatica. Si tratta di opere compensatorie da parte di Autostrade per la terza corsia dell’A14, inaugurata nel 2012. L’investimento in capo ad Autostrade è di 10 milioni. Si inizia dall’intersezione statale-via Montescudo: la prima di una serie delle fasi più critiche sarà tra marzo e maggio.

il sottopasso di via Coriano

Il 17 marzo (dopo il Sigep), partiranno i lavori per il sottopasso che, da via Coriano, porterà al parcheggio di via Santerno e la rotatoria da 65 metri di diametro. Il tratto della Statale sarà chiuso, indicativamente, fino a metà maggio. Le auto che procederanno in direzione Bellaria saranno deviate su un bypass lato mare. Quelle in direzione Riccione saranno deviate su via Coriano per poi, tramite la rotatoria davanti alla sede Ausl, tornare sulla SS16 prima delle Befane.

I lavori sono stati assegnati alla CBR, con l‘obiettivo, a  settembre, di rendere transitabile la rotatoria di via Montescudo anche se non sarà completa. Il completamento definitivo è previsto entro fine anno.

 

A luglio 2022, poi, una nuova fase delicata perché si sovrapporranno la chiusura sia del tratto all’altezza di via della Fiera sia di un tratto di via Euterpe. per la realizzazione di due sottopassi, interventi che partiranno dopo la fine delle scuole. Anche in questo caso, con la chiusura su via della Fiera, si procederà con un bypass in direzione nord e deviazioni sulla viabilità ordinaria in direzione sud.

il sottopasso SS16-via della Fiera

Il 2023 sarà invece l’anno del completamento della rotatoria sulla Consolare per San Marino, da 110 metri di diametro. I lavori per il relativo sottopasso cominceranno nella prima parte del prossimo anno e comporteranno un’altra temporanea chiusura di un tratto della SS16.  Tra via Euterpe e via della Repubblica si procederà alla realizzazione di un nuovo percorso ciclopedonale con tre sottopassi, per collegare il Parco della Cava con il comparto residenziale di via Montescudo.

L’ultimo intervento, con partenza a inizio 2023, sarà il sottopasso ciclopedonale di via Covignano: ancora più complesso perché con il deviatore Ausa non è possibile realizzare un bypass lato mare.

Sono già partiti i lavori per la pista ciclabile da 1,3 km, sul sedime dismesso dell’autostrada in prossimità della galleria di Covignano, che collegherà la zona di Covignano con l’area tra via Marecchiese e i Padulli.

Un piano complesso, che valuterà di volta in volta le conseguenze sul traffico, condiviso con Autostrade per l’Italia dal tavolo tecnico organizzato dalla Prefettura. Prevista la presenza di almeno una ventina di agenti al giorno per gestire il traffico.

Commenta il sindaco Sadegholvaad: “Ci attendono mesi non semplici per la circolazione, con disagi purtroppo inevitabili. Il ‘prezzo’ temporaneo da pagare a fronte di un cantiere che rivoluzionerà in meglio la viabilità provinciale.
Siamo vicini ad ottenere un risultato atteso da anni, frutto di un lavoro complesso portato avanti dalle amministrazioni Ravaioli e Gnassi, che permetterà di compattare la città a mare e a monte dell’Adriatica, superando una storica frattura”.