Indietro
menu
La pagella delle acque

15 acque eccellenti e la promozione a "buono" della foce Marecchia

In foto: la foce del Marecchia
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 14 dic 2021 13:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Confermare “eccellenti” 15 acque riminesi mentre i tratti alla foce Marecchia Nord a Rivabella e Marecchia sud di San Giuliano promossi a “buoni”. E’ quanto sancisce la delibera della Giunta regionale che classifica lo stato di salute del mare sulla base delle analisi e delle valutazioni effettuate da Arpae Emilia-Romagna e dall’Aziende USL della Romagna nella stagione balneare 2021.

Si conferma il livello eccellente della qualità del nostro mare, una risorsa che l’amministrazione negli ultimi anni ha posto come priorità sulla quale investire – sottolinea l’assessora all’Ambiente del Comune di Rimini Anna Montiniun impegno che ora trova riscontro anche nel salto di qualità delle acque della foce del Marecchia, da sempre uno dei punti più critici. L’esito del biennio di monitoraggio ha premiato il lavoro fatto, attraverso in primis le opere del piano di salvaguardia della balneazione”.

Nell’ambito del PSBO, progetto da 154 milioni di investimenti che vede coinvolti Comune, Hera e Romagna Acque, è in fase di completamento la separazione delle reti fognarie di Rimini nord che trasformerà gli attuali sfioratori in apporti di sole acque meteoriche, con conseguente eliminazione dei divieti di balneazione. Tutti gli interventi già conclusi (Turchetta, Spina-Sacramora, Pedrera Grande, Matrice e Sortie) e quelli in corso di ultimazione (Brancona e Viserbella) portano benefici oltre che alle acque di balneazione corrispondenti, anche all’acqua di balneazione Marecchia Sud, in considerazione della direzione prevalente delle correnti e dei venti. Sempre nell’ambito degli interventi del PSBO sono stati completati nel corso del 2019 ulteriori lavori che interessano la zona centro e centro-sud di Rimini, con ulteriori benefici per il bacino di San Giuliano, a partire dalla conversione dell’ex depuratore Marecchiese con otto vasche di laminazione che consentono un accumulo di 15.000 mc. La messa a regime del sistema, che convoglia le acque al Depuratore di Santa Giustina, ha determinato una consistente riduzione dei casi e delle tempistiche di apertura degli sfioratori di emergenza lungo l’asta del Marecchia, con una riduzione degli apporti di reflui nel fiume.

Oltre ai lavori già realizzati e che si stanno portando avanti per il PSBO, sono stati decisivi anche gli interventi di abbassamento della scogliera posta di fronte alla battigia di San Giuliano – aggiunge l’assessora Montini – e il successivo salpamento della scogliera che ha consentito di migliorare le condizioni ambientali e di balneabilità della spiaggia di San Giuliano, contribuendo a creare un fondale sabbioso migliore rispetto e migliorando la circolazione idrodinamica nell’area. Credo che questi risultati parlino da soli – conclude l’assessora – rispetto all’efficacia del vasto piano di interventi messi in campo per valorizzare la balneabilità del nostro mare. Un piano ancora in corso e che una volta completato permetterà a Rimini di essere all’avanguardia in Europa sul fronte ambientale e di tutela delle acque”.