Indietro
menu
I commenti della politica

Omicidio in stazione. Sadegholvaad: confidiamo in inquirenti. Renzi chiede presidio fisso

In foto: @adriapress
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 22 nov 2021 19:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sul brutale omicidio di domenica sera davanti alla stazione di Rimini arriva una dichiarazione del sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad: “Siamo profondamente colpiti dal delitto avvenuto poche ore fa a Rimini. Non si sa ancora nulla sulle modalità efferate di questo omicidio e dunque tutte le piste rimangono aperte. Confido nel lavoro degli inquirenti e degli investigatori per avere rapidamente risposte a una cosa tanto tragica”.

Per il capogruppo di Fratelli d’Italia Gioenzo Renzi una vicenda che “ripropone la situazione di insicurezza per le migliaia di persone che usufruiscono della Stazione, principale porta di accesso della città, del trasporto pubblico, del servizio taxi, dei parcheggi. Come richiesto, fin dal Luglio 2020, in Consiglio Comunale, ritengo necessario istituire un Presidio delle Forze dell’Ordine sul Piazzale della Stazione, per garantire con i controlli sicurezza e legalità e decoro”.

Renzi ribadisce la necessità di “potenziare l’illuminazione dei marciapiedi di viale Cesare Battisti e delle pensiline di fermata degli autobus, visto che il luogo dove è avvenuto il delitto si trova nell’oscurità, ed è un punto di ritrovo degli spacciatori di droga e malavitosi” e l’urgenza della “realizzazione della Cittadella della Sicurezza nella dismessa Caserma Giulio Cesare, come promesso dal Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, a Rimini il 13 Settembre scorso a seguito dell’accoltellamento di 5 persone tra cui un bambino di 5 anni”.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Maurizio Ceccarini