Indietro
menu
Le strade interessate

Manutenzione stradale, proseguono gli interventi in centro storico a Rimini

In foto: Rimini centro
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 5 nov 2021 13:11 ~ ultimo agg. 13:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si sono completati nei giorni scorsi gli interventi previsti dal secondo stralcio del programma di risanamento conservativo e funzionale della viabilità 2020 nel Comune di Rimini. Il programma in corso d’opera è stato potenziato portando l’investimento da 1,5 a 1,9 milioni, alla luce delle esigenze emerse nel corso dei mesi e che hanno reso necessari ulteriori interventi sulle infrastrutture stradali del territorio. In particolare si è completata la manutenzione di Via dell’Ospizio, Via Trieste, Via Vienna, Via Lisbona, il parcheggio di Via Montese, Via Casteldelci, Via Marignano, Via Delle Selve, Via Pianazzo e Via Sabanelle, non previste nel piano iniziale che comprendeva una trentina di strade della città.

Proseguono invece i “lavori di risanamento conservativo e funzionale della viabilità nel Centro Storico del Comune di Rimini – Anno 2021”, un intervento che prevede la riqualificazione di 16 strade del centro storico. Il progetto, per un investimento di 517 mila euro, prevede il rifacimento di alcune pavimentazioni stradali per garantire un maggiore livello di sicurezza alla viabilità. Le strade interessate e individuate sulla base delle verifiche effettuate da Anthea sono: via Angherà; vicolo Mastini; via Gambalunga (tratto);  via Santa Chiara; vicolo Cima; via F.lli Bandiera; via Bufalini; via Battarra; vicolo Levizzani; vicolo S. Bernardino; via Isotta degli Atti;  via Asili Baldini; via Di Duccio; via Beccari; via S. Maria in Corte – via Guerrieri; via Brighenti.

“Si tratta di una serie di investimenti corposi che proseguiranno anche nei mesi a venire – sottolinea l’assessore ai lavori pubblici Mattia Morolli – per intervenire in maniera puntuale sul patrimonio di infrastrutture stradali comunali, andando a toccare tutto in maniera diffusa tutto il territorio”.