Indietro
menu
Per una mobilità sostenibile

Pedalando e camminando. Le richieste ai candidati sindaco di Rimini

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 10 set 2021 15:03
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’Associazione FIAB Rimini Pedalando e camminando, che da anni si occupa di mobilità sostenibile su Rimini e Provincia, in occasione delle prossime elezioni amministrative ha proposto un incontro fra i diversi candidati a sindaco di Rimini, in occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile (16-22 settembre). In attesa del riscontro, l’associazione presenta ai candidati le proprie richieste.


Si chiede di:
➢ garantire eque condizioni di mobilità per tutti insieme alla sicurezza e alla salute delle persone e dell’ambiente;
➢ ridurre la necessità della seconda o terza auto a chi abita in periferia organizzando una rete di TPL integrata con una rete ciclabile, servizi di sharing e rastrelliere per bici protette dai furti e dalla pioggia;
➢ ridimensionare del 20/25 % gli spostamenti in auto riducendo questa modalità almeno al 50% per ridurre emissioni di CO2, polveri sottili e congestionamento;
➢ raggiungere nei prossimi 5 anni i seguenti obiettivi per la mobilità ciclistica:
1)Gli spostamenti in bici dovranno raggiungere almeno il 20% degli spostamenti totali;
2)Gli incidenti stradali dei pedoni e dei ciclisti dovranno essere ridotti di almeno il 40%;
➢ adottare le seguenti azioni funzionali al raggiungimento degli obiettivi indicati:
• Collegare gli spezzoni di percorsi ciclabili per costruire l’effetto rete che aumenti la sicurezza e renda percepibile il sistema ciclabile e ne incrementi l’uso;
• Collegare la rete ciclabile alle aree pedonali, alle ZTL, alle piazze, alle fermate del trasporto pubblico e ai parcheggi più esterni;
• Far scendere sulle strade le piste che attualmente sono sui marciapiedi;
• Raggiungere lo standard per i percorsi ciclabili di 1,50 ml/abitante anche con lo sviluppo di tratte a doppio senso ciclabile su strade a senso unico e velocità 30/km/h;
• Rendere consultabile la rete ciclabile e posizionare la segnaletica lungo I percorsi per facilitarne l’uso a residenti e turisti;
• Rilevare gli spostamenti, monitorare l’uso e lo stato dei percorsi ciclabili e programmarne la manutenzione;
• Promuovere una comunicazione costante attraverso iniziative e campagne continuative;
• Realizzare “le case avanzate” ed adeguare alla mobilità ciclistica le intersezioni regolamentate con o senza rotatoria allo scopo di dare priorità e maggiore sicurezza a chi si sposta in bicicletta;
• Appoggiare su edicole di giornali, meccanici ed altri esercizi disponibili una rete diffusa di spazi di sosta controllati per contrastare i furti che costituiscono uno dei maggiori ostacoli all’incremento dell’uso della bicicletta in generale e di quelle di maggior valore in particolare.
• Istituire l’Ufficio Biciclette del Comune di Rimini;
• Attivare politiche di Mobility Management in collaborazione con i Mobility Manager aziendali e scolastici per realizzare Piani di spostamento casa-scuola e casa-lavoro da programmare ed aggiornare ogni anno.

Notizie correlate