Indietro
menu
Città di mare, non sul mare

Ceccarelli: assessorato, porto canale navigabile e altre proposte per la città di mare

In foto: Enzo Ceccarelli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 20 set 2021 12:06 ~ ultimo agg. 12:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il candidato sindaco della coalizione di centrodestra Enzo Ceccarelli spiega il perché Rimini ha bisogno, come già annunciato in diverse occasioni, di un assessorato al mare, ma anche altre proposte per la Rimini ‘marinara’.

“Rimini è sempre stata una città di mare. Dal secondo dopoguerra, per i cambiamenti sociali avvenuti e per un’amministrazione di sinistra che ideologicamente ha voltato le spalle al mare, questa tradizione marinaresca ha rischiato di perdersi. Solo la grande passione dei lavoratori del mare e degli appassionati delle discipline nautiche ha permesso a questo patrimonio di non disperdersi. Rimini troppo spesso viene considerata “una città sul mare”, mentre deve tornare ad essere “una città di mare. Per questo, nel programma del centrodestra e delle liste civiche che mi sostengono, viene avanzata la proposta di creare un “assessorato alle politiche del mare”.

Prosegue Ceccarelli: “per la trasformazione da “città sul mare” a “città di mare”, occorre avere la necessaria sensibilità e conoscenza di tutte le problematiche e le dinamiche del caso. Parlare del nostro Adriatico significa ascoltare prima di tutto le esigenze dei lavoratori del mare e di chi lo frequenta, anche per motivi sportivi e di diporto. Essere una Città di mare significa valorizzare al massimo questa porta d’ accesso a Rimini, allo stesso tempo si deve dare corso ad una nuova mobilità sostenibile su “acqua”.

Avamporto, navigabilità del porto canale da Piazzale Boscovich a Ponte di Tiberio, collegamento della Darsena e di San Giuliano mare con Marina centro da un lato e Rivabella dall’altro sono interventi non più rinviabili. La diffusione di una cultura marinaresca, spesso dimenticata, deve diventare un punto cardine nella formazione dei nostri giovani che, dal mare, possono trovare grandi opportunità di crescita e opportunità di lavoro. Un altro aspetto che non può essere di certo trascurato è che il mare rappresenta grandi opportunità economiche e di crescita”.

Notizie correlate