Indietro
menu
Alla pescheria di Rimini

Bersani incontra i candidati di Coraggiosa. 'C'è bisogno di più sinistra'

In foto: Bersani e i candidati
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mer 8 set 2021 12:05 ~ ultimo agg. 13:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’On. Pier Luigi Bersani, Presidente di Articolo 1, ex ministro ed ex Presidente della Regione Emilia-Romagna, ha incontrato martedì pomeriggio alla Vecchia Pescheria di Rimini la cittadinanza e i candidati delle liste Rimini Coraggiosa e Cattolica Coraggiosa.

All’incontro, coordinato dal Segretario provinciale di Articolo 1 Della Chiara, erano presenti i capolista di Rimini Coraggiosa Marco Tonti e Mara Marani, la candidata sindaca di Cattolica Franca Foronchi, il candidato Sindaco del centrosinistra Jamil Sadegholvaad e la vicesindaca Chiara Bellini.

Ha aperto l’incontro Mara Marani descrivendo la lista come perfettamente equilibrata: composta da 16 uomini e 16 donne, un valore centrale per Rimini Coraggiosa. “Rimini è una bellissima città” ha dichiarato Mara Marani “e può diventare ancora più bella perché ancora più giusta con un’anima sociale”.

Marco Tonti ha sottolineato l’importanza della legalità nel mondo del lavoro soprattutto in una città complessa e basata sul turismo come Rimini. “Questa complicata dinamica economica per qualche datore di lavoro rappresenta perfino una giustificazione allo sfruttamento ma è una pratica inaccettabile perché si scarica sulle persone più fragili e introducendo anche distorsioni nel mercato con la concorrenza sleale”. Infine Marco Tonti ha ringraziato l’on. Bersani per la sua azione legata alle liberalizzazioni effettuata quando era ministro: “E’ il segno di una sinistra che è consapevole della complessità del sistema-Paese e che lavorando bene può sbloccare le cose e liberare energie vitali nuove”.

L’on. Bersani ha tracciato lo scenario dell’Italia di oggi nella quale occorre “…tenere d’occhio i fondamentali, perché con il Covid19 qualcosa che scricchiola c’è”. Si riferiva anche al turismo, al rallentamento del processo di destagionalizzazione, alle difficoltà delle piccole imprese stagionali o in affitto e al rischio di infiltrazioni criminali. Si è poi chiesto: “Con il Recovery Fund di quale lavoro parleremo? Del lavoro com’è oggi, frantumato, diviso?…Rischiamo di spaccare l’Italia se non riconosciamo il lavoro nei suoi diritti.” Su questo tema in particolare ha posto l’esigenza di una legge sulla rappresentanza sindacale, per evitare la nascita di sigle sindacali “di comodo”. “In fondo a questa deriva troviamo lo schiavo!”.

Su Coraggiosa ha detto: ”E’ il coraggio di mettersi insieme per una nuova e urgente riorganizzazione del campo progressista”. E su Rimini, in particolare: “E’ stata rilanciata in questi anni un’idea di Rimini ed è stato fatto un grande lavoro non solo sul software ma anche nell’hardware (come gli interventi sugli scarichi a mare). Il mio consiglio è che questa nuova Rimini possa camminare su gambe solide che si reggano sui fondamentali”

Franca Foronchi, candidata Sindaca, ha presentato la lista del centrosinistra di Cattolica di cui Coraggiosa è parte rilevante, basata sui valori della solidarietà e della dignità del lavoro.

Chiara Bellini, scelta come vicesindaca in tandem con Jamil Sadegholvaad, ha dichiarato: “Rimini è sempre stato un laboratorio politico e io credo che dovremo lavorare insieme per costruire le condizioni di un nuovo soggetto politico nel campo della sinistra, che tenga insieme le esperienze politiche che da PD a LEU, ad Articolo 1, ai Coraggiosi e al civismo, si ritrovano uniti intorno al tema dei diritti sociali, lavorativi, di genere. Al centro il superamento delle disuguaglianze e le persone, la comunità. Guardo alla riflessione che sta nascendo da un po’ di tempo nella sinistra del Pd e che si rivolge anche a voi di Art1 e Coraggiosi con molto molto interesse. I territori, il Paese hanno, anzi abbiamo, bisogno di più Sinistra”.

Il candidato sindaco Jamil Sadegholvaad ha spiegato che “Rimini è una città in cammino che ha fatto tanti investimenti importanti in questi anni e che si sta proiettando verso il futuro per dare sempre maggiori opportunità ai suoi cittadini. Tra i temi affrontati, quello del lavoro nero o grigio, che è nazionale quanto locale, credo non possa essere affrontato solo con il potenziamento degli organi ispettivi ma dobbiamo puntare ad alzare l’asticella della qualità del nostro sistema economico. Puntare quindi sulla riqualificazione del sistema alberghiero, su tutti gli stimoli che possiamo mettere in campo per l’imprenditoria turistica riminese. Non c’è solo il turismo, abbiamo anche un comparto industriale importante e inoltre dobbiamo lavorare molto sul potenziamento del nostro polo universitario. La situazione post pandemica ha accentuato il divario economico e sociale e come Comune dovremo fare tutto il possibile per cercare di ridurre questi gap”.