Indietro
menu
Con deputati della Lega

Il ministro Garavaglia a Italia in Miniatura: serve aiuto per legge ai parchi

In foto: foto di gruppo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 22 ago 2021 12:15 ~ ultimo agg. 12:22
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nel tardo pomeriggio di sabato, il Ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, ospite di un evento al Meeting, è arrivato in visita a Italia in Miniatura che ha da poco festeggiato i 50 anni, accompagnato dai deputati romagnoli della Lega Elena Raffaelli e Jacopo Morrone.

Complimentandosi per il parco e per i lavori di riqualificazione, Garavaglia Insieme alla direttrice generale dei parchi Costa Romagna, Patrizia Leardini, ha fatto prima tappa al giro in gondola nella Venezia in scala 1:5 dove ha navigato sul Canal Grande su gondola. Tra i palazzi e il Ponte di Rialto, Garavaglia è arrivato con la sua delegazione fino a Piazza San Marco, con il Campanile e la Basilica. Poi ha visitato lo Stivale, privilegiando la sua Lombardia in miniatura e immortalandosi in scatti fotografici al Duomo di Milano e al Pirellone. Poi la tappa nella Romagna in miniatura, fino a Rimini.

“Nel primo periodo i parchi della Romagna hanno subito oggettivamente un danno, perché le famiglie non erano pronte, quindi penso sia necessario dare un aiuto per legge per il fatturato perso.– ha dichiarato Garavaglia –  Per quanto riguarda il Green Pass, è ormai entrato nella normalità della nostra vita per questo periodo: auguriamoci che tutto il caos legato alla pandemia finisca presto e che si torni alla normalità”

Patrizia Leardini durante la visita ha raccontato quello che è accaduto con l’arrivo del Green Pass nei parchi tematici, con un -60% di ingressi persi nei primi giorni. “Questa visita è stata molto interessante – dice Leardini – il Ministro ha capito benissimo la grave situazione che ci troviamo ad affrontare. I parchi sono trainanti nell’economia turistica: abbiamo ribadito al Ministro la necessità e  di riconoscerli nel settore turismo. Speriamo si possa muovere qualcosa a livello nazionale”.