Indietro
menu
il "vero" ristoro

Rossi (PD) su discoteche: hanno possibilità per riaprire in sicurezza

In foto: Nadia Rossi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 7 lug 2021 14:01 ~ ultimo agg. 14:55
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Assembramenti, feste e rave party abusivi, senza il minimo rispetto delle basilari norme di sicurezza – parte da questa considerazione la riflessione di Nadia Rossi, consigliere regionale del PD,che chiede di riaprire le discoteche. “ Un problema che a più di un anno dalle prime chiusure delle discoteche non si può più ignorare e che contribuisce ad alimentare la distanza tra istituzioni e operatori del settore, in grande difficoltà da oltre un anno e mezzo e che avrebbero gli strumenti e le possibilità per garantire un’offerta di divertimento sicura. Le discoteche sono ancora chiuse in Riviera così come nel resto d’Italia, i gestori legittimamente continuano a manifestare il loro malcoltento e la preoccupazione per il rischio, concreto, che centinaia di imprese in Romagna e nelle principali mete turistiche estive siano cancellate dal mercato del lavoro, con drammatiche conseguenze per migliaia di lavoratori e per le loro famiglie“.

I ristori messi in campo a livello nazionale e poi regionale non sono sufficienti: il vero ‘ristoro’ è consentire finalmente le riaperture, con tutte le prescrizioni e le norme necessarie per garantire la salute dei clienti e degli stessi dipendenti. E’ urgente non solo perché la questione economica e occupazionale è gravissima, ma anche perché gli episodi eclatanti che si sono registrati di recente –   penso per esempio a quelli nel Lodigiano e nel Pisano – ma soprattutto le tante e diffuse situazioni di balli abusivi e assembramenti, rappresentano un rischio ancora maggiore per la salute pubblica, oltre che una forma di concorrenza sleale ai danni dei tanti operatori che pur nella crisi, rispettano le norme“.

Penso che per le sale da ballo, le discoteche, gli stabilimenti balneari, si possano trovare soluzioni – sfruttando il green pass o i tamponi, per esempio – per riaprire in sicurezza dando una mano concreta al settore. Tenere chiuso non basta e non serve più”.