Indietro
menu
Con Lega e altre liste

Ceccarelli in tour sul territorio di Rimini: oggi a Marina Centro

In foto: Ceccarelli e accompagnatori
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 30 lug 2021 17:12 ~ ultimo agg. 17:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il tour nella zona sud di Rimini a Bellariva nel parco Murri, zona alle prese con problemi di microcriminalità e la prostituzione, Enzo Ceccarelli prosegue la propria visita nelle aree della città a Marina Centro, accompagnato dalla parlamentare Elena Raffaelli, responsabile provinciale della Lega, dai Consiglieri Comunali Matteo Zoccarato e Gennaro Mauro insieme ad una delegazione delle Liste civiche. La candidatura di Ceccarelli a sindaco di Rimini è appoggiata al momento dai vertici locali della Lega e dal segretario della Lega Romagna, Jacopo Morrone, oltre che dalle liste civiche guidate da Lucio Paesani (Noi amiamo Rimini) e da Davide Frisoni (Rinascimento, Con Rimini, Rete civica),
“Marina Centro è il ‘salotto buono’ della città turistica. Purtroppo anche in questa zona gravano problemi concreti – commenta l’ex sindaco di Bellaria Igea Marina – Il tema caldo è la carenza di parcheggi: il Parco del Mare non ha tenuto conto di questo servizio essenziale. Turisti e operatori lamentano l’oggettiva carenza di posti auto che penalizzano fortemente le loro attività. Occorre un ripensamento e una progettazione della città che guardi all’estetica, alla sostenibilità e alla vivibilità dei luoghi, senza tuttavia penalizzare la fruibilità e la funzionalità che significano anche poter arrivare facilmente a destinazione e non impiegare ore per parcheggiare. Il prossimo passo sarà incontrare Comitati e Associazioni per condividere il cammino futuro: l’obiettivo è quello di evitare la modalità finora perseguita dall’amministrazione di calare dall’alto progetti che calpestano i bisogni reali di residenti, operatori e turisti. Altra nota dolente, infine, la programmazione e conseguente tardiva realizzazione dei lavori pubblici che sono caduti nel pieno della stagione estiva. L’ennesima tegola sulla testa del settore turistico”.