Indietro
menu
Lo scalo? per il turista non cambia

VisitRimini contro i campanilismi aeroportuali

In foto: l'aeroporto Fellini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 6 giu 2021 15:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Atterrare a Rimini, Forlì o Bologna non cambia molto per chi vuole trascorrere un periodo in Romagna. Ciò che conta è che si trovino voli frequenti, servizi aeroportuali eccellenti, qualità dei collegamenti. È la pluralità dell’offerta territoriale, oggi, a fare la differenza e non una manciata di decine di chilometri di distanza”. E’ la premessa da cui parte la riflessione di VisitRimini, la DMC che gestisce la promozione turistica del comune di Rimini e che nel suo portale ha proposte che spaziano in diversi luoghi del territorio romagnolo. VisitRimini è convinta che “se si inseguono mire campanilistiche o competitive, soprattutto sul tema della logistica aeroportuale, si dimostra di non conoscere le dinamiche dell’industria del turismo”. LA DMC non vuole prestare il fianco alle polemiche “per lasciare spazio alla professionalità e quindi ad un grande progetto integrato del trasporto aereo a servizio di tutta la Romagna“.

“Ogni destinazione non può essere considerata una meta chiusa. Si tratta di una tendenza rilevata soprattutto negli ultimi tempi, in cui il turismo è meno stanziale e vuole sperimentare nuove emozioni, nuove conoscenze durante la sua vacanza. L’offerta dei territori diventa una ricchezza per la destinazione stessa. Ecco perchè abbiamo costruito importanti partnership con le eccellenze culturali vicine a Rimini, con le “chicche” enogastronomiche delle valli e con tanti territori operatori che offrono percorsi di trekking, tour ciclistici e motociclistici per conoscere la natura e le ricchezze della nostra Romagna”.

Notizie correlate
di Redazione