Indietro
menu
sarà accolto a Montetauro

Si aggravano le condizioni di salute. Don Biagio lascia Cattolica

In foto: don Biagio Della Pasqua
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 1 giu 2021 11:48 ~ ultimo agg. 2 giu 11:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Con una lettera di saluto alle comunità che ha servito per tanti anni don Biagio Della Pasqua lascia Cattolica. A causa dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute, infatti, il sacerdote ha accolto la disponibilità ad ospitarlo da parte della Comunità di Montetauro, con cui c’è sempre stata una profonda sintonia spirituale. La lettera di don Biagio è stata letta domenica durante le messe nelle chiese della Regina. Fino ad ora don Biagio ha vissuto in fraternità sacerdotale nella casa adiacente alla parrocchia di San Pio V, con altri cinque preti.

La mia attuale condizione di salute – scrive don Biagionon mi consente di scendere in chiesa per potervi salutare personalmente. Vi porto tutti nella preghiera. Mi preme rendervi partecipi di una scelta che ho maturato e che ho condiviso con il vescovo, il vicario e i sacerdoti che vivono con me: andrò a stabilirmi presso la comunità di Montetauro. In canonica sono circondato dall’affetto e dalle attenzioni dei miei confratelli e di tante altre persone, sento tuttavia l’esigenza di vivere in un contesto nel quale ci siano ampi spazi di preghiera comunitaria, che mi consenta di vivere maggiormente nell’ascolto del Signore e in un ambiente ampio“.

E ancora: “Don Lanfranco e tutta la comunità di Montetauro sono amici sinceri con i quali, anche insieme a molti di voi, abbiamo condiviso momenti intensi in diverse occasioni: è nota a tutti la loro accoglienza e disponibilità. Questa scelta mi offre la possibilità di vivere per voi il mio ministero in maniera diversa e più consono alle mie attuali condizioni fisiche e spirituali. Continuiamo a camminare uniti, certi che nel Signore tutto concorre al bene. Vi saluto caramente e vi porto nella preghiera”.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO