Indietro
menu
Una working area

Ikea, Comune di Rimini e Community 27 per promuovere l'inclusione

In foto: la presentazione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 26 giu 2021 08:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stato inaugurato presso La Community 27, lo stabilimento balneare all’interno del nuovo Parco del Mare di Rimini, un nuovo spazio ispirato all’inclusione e alla valorizzazione delle unicità di ciascuno. La working area sarà aperta a tutti coloro che desiderano lavorare in un ambiente pensato per favorire la condivisione e creare un network di collaborazione tra le aziende del territorio sui temi di equality, diversity e inclusion. L’area, interamente progettata e arredata da IKEA Rimini è stata pensata per dare spazio al lavoro e allo studio anche in un ambiente inconsueto come un lido.

Il progetto è stato presentato nel corso di un incontro a cui hanno partecipato molte aziende del territorio: al centro dell’appuntamento l’importanza di fare rete tra le realtà locali nel promuovere una cultura inclusiva e rispettosa di tutte le diversità. Per la prima volta istituzioni, associazioni e imprese, si riuniscono a Rimini con l’obiettivo di condividere best practice sui temi legati a parità di genere, disabilità, diversità etnica e culturale, comunità LGBT+ e individuare azioni e politiche da mettere in campo per avere un impatto positivo sull’intera comunità.

“Siamo molto orgogliosi di questa sinergia con IKEA Rimini, la possibilità di collaborare con un’azienda internazionale è di grande stimolo per generare positivi processi di responsabilità sociale di impresa all’interno del territorio. Il fatto che IKEA si sia fatta capofila per creare una filiera basata sul valore e sul rispetto dei diritti sul territorio è segno di grande attenzione e di visione lungimirante di una azienda che vuole impattare positivamente sulla nostra comunità. Noi come Community27 siamo a disposizione di IKEA, dell’amministrazione comunale e di tutte le imprese che decideranno di avviare percorsi imprenditoriali nuovi, stimolanti, etici, garantendo la disponibilità della nostra struttura per le proprie attività sociali e culturali” dichiara Stefano Mazzotti, La Community 27

Diversità e inclusione sono valori che guidano la nostra azienda, ci impegniamo infatti quotidianamente a garantire a tutti i nostri co-worker un ambiente di lavoro nel quale ogni persona possa sentirsi libera di esprimersi al meglio. Una visione frutto della consapevolezza che le differenze di genere, età, provenienza, abilità anche in relazioni alle diverse fasi che ciascuno vive durante la propria vita, siano ricchezza, elementi di crescita individuale e collettiva” dichiara Cinzia Marzano, Equality, Diversity&Inclusion Leader di IKEA Italia

IKEA è arrivata sul territorio riminese dal 2009, una presenza in continuo dialogo con il territorio e le altre realtà. “Siamo orgogliosi di avere uno dei nostri negozi qui sul territorio di Rimini, in questi anni abbiamo lavorato sempre in sinergia con questa realtà  perchè consapevoli che non possiamo realizzare un reale cambiamento su larga scala lavorando da soli, ma che l’impegno e la passione di tutti sono indispensabili per costruire una vita migliore per la maggioranza delle persone. La giornata di oggi rappresenta un momento importante di un percorso da condividere con altre aziende per costruire insieme valore per il territorio e l’intera comunità di Rimini”. dichiara Emilia Carolla, Market Manager di IKEA Rimini.

Le fa eco Gloria Lisi, vicesindaco del Comune di Rimini “Il progetto è in linea con l’approccio al welfare che il Comune di Rimini in questi anni ha portato avanti con convinzione nelle sue politiche di promozione sociale: un welfare delle capabilities, che superi l’approccio assistenziale e che promuova l’inclusione valorizzando e mettendo al centro le capacità dell’individuo. Questo si traduce in progetti personalizzati, cuciti su misura rispettando le specificità e peculiarità del singolo e quindi offrendo la libertà di poter perseguire le diverse aspirazioni. La libertà di realizzarsi grazie alle differenze”.

“Crediamo profondamente che l’etica del lavoro possa cambiare il mondo, il territorio, e lasciare questo come un posto migliore dove vivere. La nostra mission aziendale è quella di dimostrare che ad oggi, nel 2021, le aziende possano fare business in maniera etica, rendendo più sereni/e i/le propri/e collaboratori/trici,migliorando al contempo le performance aziendali. Perché di vita ne abbiamo una, viviamola felici! #betterjobs #betterlives – Commenta Luca Carrai, CEO di Ethicjobs Società Benefit.

Notizie correlate
di Redazione