Indietro
menu
Cosa cambia dal 14

Da lunedì scatta la zona bianca: stop al coprifuoco, ma non solo

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 11 giu 2021 12:29 ~ ultimo agg. 13 giu 11:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Come anticipato già da qualche giorno, da lunedì 14 giugno l’Emilia-Romagna sarà zona bianca. Rimangono inalterati gli obblighi di base, come l’utilizzo di mascherina, la sanificazione delle mani e il distanziamento. Ma ci sono importanti novità come la cessazione del coprifuoco, lo stop ai limiti di commensali nei tavoli esterni e la riapertura tutte le attività e gli esercizi commerciali ancora chiusi.

Resta facoltà delle Regioni, adottare ulteriori disposizioni più restrittive, di carattere locale. Ma al momento non sono state rese note.

Ecco cosa cambia da lunedì

i ristoranti

Il consumo ai tavoli negli spazi al chiuso è consentito per le attività dei servizi di ristorazione per un massimo di sei persone per tavolo. Anche non conviventi tra loro. Riguardo ai tavoli all’aperto non c’è una regola esplicita all’interno dell’ordinanza. Non ci sono comunque limiti massimi al numero di persone che si possono sedere insieme.

a casa di amici e parenti

E’ consentito andare a far visita a parenti o amici, restando all’interno della stessa zona, senza limiti di orario o nel numero di persone che si spostano. Non ci sono quindi limiti ai ritrovi di persone all’interno delle abitazioni. Se però dalla zona bianca si valicano i confini e ci si sposta in una regione o in un comune giallo, allora valgono le regole del luogo di destinazione.

coprifuoco addio

Non ci sono più restrizioni orarie: gli spostamenti sono consentiti a qualsiasi ora del giorno e della notte senza bisogno di autocertificazioni per giustificarli.

negozi, ricevimenti e piscine

Con l’entrata in zona bianca possono ripartire tutte le attività e gli esercizi commerciali ancora chiusi: ricevimenti per matrimoni, unioni civili, battesimi, cresime e tutte le altre cerimonie civili o religiose (ma con il “green pass”); piscine al coperto; parchi divertimento, acquatici e tematici; sale giochi e sale scommesse, convegni e congressi, eventi sportivi nei palazzetti al chiuso (con un massimo di 500 spettatori e impianti riempiti per un quarto della loro capienza).

Questo il link sulle misure previste dal Governo per le diverse zone

https://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638#zone

La sezione dedicata sul sito del Comune di Rimini

https://archivio.comune.rimini.it/comune-e-citta/citta/arengo-online/coronavirus-tutto-quello-che-ce-da-sapere

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione