Indietro
menu
settimana prossima i 40enni

Vaccino. Da oggi sms con data per 46mila cittadini 50-54 anni

In foto: l'assessore Donini in videoconferenza
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mer 26 mag 2021 14:33 ~ ultimo agg. 27 mag 11:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In Emilia-Romagna entrerà nel vivo nei primi giorni di giugno la vaccinazione dei cittadini tra i 50-54 anni. Sono circa 100mila le persone che si sono o registrate nel sito regionale o hanno contatto i loro medici di base (il totale della popolazione in questa fascia è di 350mila persone, ma alcuni sono già stati vaccinati). Una buona parte ha già un appuntamento, che gli è stato dato dal proprio medico, mentre a circa 46mila persone arriverà oggi, mercoledì 26 maggio, un messaggio dalle aziende sanitarie del territorio che consentirà loro di informarsi sulle modalità operative e avere subito una data di vaccinazione per recarsi agli hub.

Sarà – ha spiegato l’assessore regionale alla Salute Raffaele Donini, in una conferenza stampa in cui è stato fatto il punto sulla campagna vaccinale – una vaccinazione integrata perché i medici di medicina generale già vaccinano, nei loro studi come negli hub predisposti nei vari territori. Vaccinano tanti importanti target, in particolare quello della scuola, che sta ricevendo proprio in questi giorni la seconda dose di Astrazeneca, vaccinano a domicilio le persone più fragili e tra pochi giorni le popolazione 50-54 anni”.

Un’azione mirata sarà fatta dalla Regione anche nei confronti di quella parte di popolazione che non si è né iscritta né ha chiamato il proprio medico. Venerdì 28 maggio saranno aperte le agende con i metodi noti per prenotarsi. “Entro la fine della settimana – ha aggiunto Donini – tutti coloro che intendessero vaccinarsi saranno nelle condizioni di avere la data per la somministrazione“.

Dalla prossima settimana sarà poi la volta dei 40-49enni ad avere la data di somministrazione: da giovedì 3 giugno arriverà sms per andare a vaccinarsi negli hub a coloro che si sono candidati. Sono circa 200mila i registrati nel sito per questa fascia di età. Da venerdì 4 giugno ci sarà, poi, l’apertura delle agende per tutti coloro che ancora non si sono registrati, con i consueti canali, cup, farmacup, telefonico, fascicolo elettronico, non dal medico di base.

L’indicazione anche per il futuro è quello di operare in modo integrato con la medicina territoriale – ha detto Doninianche perché le fiere torneranno a fare le fiere e le palestre, le palestre“.

I medici stanno vaccinando nei loro studi, negli hub a domicilio – ha aggiunto Fabio Vespa, presidente regionale della FIMMG -. La medicina generale c’è e ogni giorno cerca di affrontare le diverse complessità: l’incertezza delle forniture, così come quella della multidose, la fatica di conciliare ferie e vaccini per le fasce più giovani. Ci sono poi le centinaia di telefonate da fare ai pazienti per le prenotazioni. Complessità che richiede adattabilità del sistema. Si cerca insieme alla regione di trovare soluzioni. L’approccio integrato è il più funzionale”.

Scatta anche un’operazione recupero nei confronti di tutti i cittadini che, pur potendo già vaccinarsi perché appartenenti a classi di età, professionali o di rischio per le quali la campagna è aperta, ancora non si sono fatti avanti per prendere appuntamento: potranno farlo direttamente dal proprio medico di medicina generale, telefonando per fissare la data della somministrazione, che appunto sarà in carico ai medici di base. Medici che, attraverso le anagrafiche a loro disposizione, potranno anche decidere di accelerare il percorso, contattando direttamente i propri pazienti non ancora vaccinati. “Entro fine giugno – ha aggiunto Donini- completeremo tutte le vaccinazioni dei 50-59enni e in presenza di giuste quantità di dosi, entro l’estate tutti gli emiliano-romagnoli che lo vorranno saranno vaccinati”.

L’assessore ha anche fatto il punto sull’andamento della campagna vaccinale: alle ore 12 in Emilia-Romagna risultavano somministrate oltre 2 milioni 463mila dosi, con il 96,2% utilizzate rispetto a quelle consegnate: “Siamo tra le Regioni che tengono meno dosi in frigo, ma per tenere questo passo- ha fatto presente Donini– occorrono rifornimenti appropriati, contiamo già in questi giorni su nuovi arrivi di vaccini”.

Per quanto riguarda le vaccinazioni per classi di età, gli ultraottantenni sono già stati vaccinati nella quasi totalità; per la fascia 75-79enni si è raggiunto l’86% per la prima dose; 70-74enni: superato l’80%; 65-69enni: 75% prima dose; 60-64enni: 63% della prima dose effettuata. Altra categoria prioritaria, come stabilito dalla Struttura commissariale alle cui indicazioni la Regione si è attenuta, quella delle persone gravemente patologiche e fragili a prescindere dalla classe d’età.

Tra gli altri temi affrontati a margine:

Vaccino per ragazzi in età scolare: “Vogliamo vaccinare i nostri ragazzi prima che riinizi la scuola. E’ un tema che abbiamo molto presente. Dipende dalle dosi che ci daranno e anche dalle adesioni che arriveranno

Zona bianca: “A metà giugno confidiamo di poterci arrivare anche grazie ad evidente decremento dei casi. Anche questa settimana registriamo ulteriore calo dei contagi. Oggi l’incidenza è sotto i 50, ma quella che vale è il dato che il Ministero dà il venerdì. Però siamo fiduciosi“.

Vaccino operatori turistici. “Ci sono incontri in corso. Saranno fatte a giugno nei termini previsti negli hub, anche se ancora le modalità non sono state definite“.

Turisti in vacanza all’interno della Regione Emilia-Romagna: “C’è la possibilità di fare la seconda dose in vacanza, anche se alle persone sarà fatta anche la proposta di spostare di qualche giorno la somministrazione, magari di ritorno dalle vacanze, nella loro Ausl di appartenenza“.

Notizie correlate
di Redazione