Indietro
menu
Un presidio in piazza

Un bando da rifare. I lavori del settore gas in sciopero a Rimini

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 4 mag 2021 15:39 ~ ultimo agg. 15:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I lavoratori del settore gas chiedono al Comune di Rimini che venga modificato il bando di gara per l’affidamento in concessione del servizio di distribuzione del gas naturale in ambito A.TE.M. (Ambito Territoriale Minimo). Mercoledì dalle 9 è previsto un presidio in piazza Cavour promosso da Filctem CGIL, Femca CISL e UILTec per la tutela dell’occupazione e la garanzia che la sede di lavoro resti nel territorio.

“Il bando – spiega Francesca Lilla Parco, Segretario Generale della FILCTEM CGIL di Rimini – presenta “gravi criticità, come il non aver inserito i principi di territorialità e stabilità occupazionale dei lavoratori coinvolti (attualmente sono 127). Con lo sciopero i lavoratori ribadiscono le richieste già avanzate in passato e non ancora recepite: la tutela dell’occupazione e la tutela delle condizioni economiche e normative previste. In particolare, il regime di tutela contro i licenziamenti illegittimi e il mantenimento del personale per l’intera durata della nuova concessione all’interno del territorio provinciale. I Servizi Pubblici Locali sono strategici per lo sviluppo economico, sociale, ambientale e occupazionale del territorio, che passa necessariamente dal mantenimento delle competenze e delle professionalità dei lavoratori e dalla garanzia che la sede sia locale, perché si possa assicurare ai cittadini continuità, qualità del servizio e sicurezza degli impianti”.

Notizie correlate