Indietro
menu
Dopo l'ordinanza del Tar

Servizio educativo chiuso in via Montecieco. L'associazione ricorre al Consiglio di Stato

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 25 mag 2021 12:57 ~ ultimo agg. 13:17
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Prosegue il braccio di ferro legale tra l’associazione Le Giuggiole e l’Amministrazione Comunale di Rimini. La vicenda risale al febbraio scorso quando, a seguito di un controllo della polizia Locale, l’attività sperimentale dell’associazione negli spazi di via Montecieco era stata interrotta perché ritenuta fuori dai parametri richiesti per la tipologia di servizi ludico-ricreativi che esercitava, rivolti a minori dai due agli otto anni.

Il Tar aveva rigettato nelle scorse settimane il ricorso presentato dall’associazione contro il divieto di prosecuzione dell’attività e la chiusura del servizio. L’associazione Le Giuggiole ha deciso di proseguire presentando un ricorso in appello al Consiglio di Stato contro l’ordinanza del Tar. A sua volta anche l’Amministrazione Comunale di Rimini ha deciso per l’ulteriore resistenza in giudizio nominando un proprio legale.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO