Indietro
menu
Come cambiano i bisogni

Nuove esigenze, nuove risposte. Il rapporto sulle povertà 2020 della Caritas

In foto: la presentazione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 7 minuti
sab 22 mag 2021 12:51 ~ ultimo agg. 25 mag 12:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 7 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Il tema scelto quest’anno, sulla scorta delle parole di Papa Francesco che Caritas cerca di tradurre con un’azione quotidiana è: Insieme! Peggio di questa crisi c’è solo il dramma di sprecarla. Quando camminiamo insieme, infatti, nessuno è ultimo”.
Così Mario Galasso, direttore Caritas diocesana, ha aperto la Presentazione del XVII Rapporto sulle povertà, prodotto dall’Osservatorio della Caritas diocesana di Rimini. “È la prima volta, dopo due anni, che torniamo a incontrarci in presenza: ciò ci riempie di gioia” ha proseguito Galasso, prima di lasciare parola e musica all’attrice Alessia Canducci, e ai musicisti Massimo Marches e Stefano Zambardino, “che rappresentano un settore particolarmente colpito dalla pandemia, quello dello spettacolo. La loro partecipazione oggi è un piccolo segno di una ripartenza”.

“Il Rapporto Caritas è un termometro della condizione socio-economica del territorio – ha sottolineato il Prefetto di Rimini, Giuseppe Forlenza – La povertà non è solo economica, ma anche paura del futuro, fragilità, ecc Una risposta unidirezionale al problema rischia di non centrare mai l’obiettivo.”
Sul titolo del Rapporto, il Prefetto ha detto: “Insieme richiama l’immagine di Papa Francesco in piazza San Pietro vuota e le sue parole: ‘Nessuno si salva da solo’. Insieme, come ha ricordato il Presidente Mattarella, non significa che ciascuno debba abbandonare le proprie ma che ci si confronti. La pandemia – ha concluso il Prefetto – ci impone una nuova etica, un nuovo rinascimento. Se non impariamo da questa crisi, sarà stato tutto inutile”.
Helly Schleinvicepresidente regione Emilia-Romagna, è intervenuta con un video-messaggio. “I dati che Caritas di Rimini ci offre, indicano come occorre rispondere con sinergia a questo momento drammatico. Molte persone mai viste prima sono venute a bussare alle nostre porte, anche proprietari di case. è necessario lavorare insieme per rispondere ai bisogni nuovi che avanzano. Va comunque onorata la grande resilienza che avete manifestato a Rimini di fronte s questa situazione, e la sinergia che avete vissuto come Caritas insieme ad altre realtà e al Comune di Rimini, nel tentativo di non lasciare indietro nessuno”.
Sulla sinergia messa in campo specie durante la pandemia si è soffermata anche Glori Lisi, vicesindaco del Comune di Rimini: “Ci siamo trovati assieme a rispondere ai drammatici bisogni che sono emersi, con tanti giovani a sostenere il volontariato quando gli over65 erano persone da proteggere. La povertà non si risolve con risposte emergenziali – ha fatto notare la Lisi – ma occorro risposte creative. La lotta alla povertà richiede studio, passione e dedizione. Ringrazio tutti coloro che si sono dedicati ai fratelli più poveri durante la pandemia, a rischio anche della propria salute”.
Anche il Vescovo di Rimini è partito dal titolo del XVII Rapporto: “Insieme: una password obbligata per entrare nel senso e nello scopo di questa edizione del rapporto sulle povertà”. Mons. Francesco Lambiasi è poi tornato sul pericolo di quell’altro virus mortale, l’individualismo. “La pandemia dell’individualismo ha fatto e continua a fare strage con le sue tre funeste varianti: il narcisismo, il vittimismo di chi si lamenta ogni giorno del prossimo; e il pessimismo. Sull’humus inquinato da questi tre idoli – la dea Immagine, la dea Lamentela, la dea Sciagura – quella che certamente non fiorisce è la speranza”.
La verità della mascherina è invece proprio “vita tua, vita mea, vita mea vita tua”. “Non siamo individui ciascuno nella sua bolla di immunità. Ma persone in relazione, ciascuna con il suo carico di responsabilità. Siamo tutti interconnessi. E ognuno di noi può fare la differenza, per sé e per gli altri – soprattutto per i più deboli – per frenare il contagio.
La capacità di pensare in termini di ‘noi’ anziché di ‘io’ è uno sforzo indispensabile, faticoso ma benefico. Solo così il tempo virale potrà diventare il tempo vitale”.

Il Rapporto sulle Povertà 2020 integrale

Dalla sintesi del rapporto:

Nel 2020 sono stati 4.368 i nuclei familiari che si sono rivolti alle Caritas riminesi; contando tutte le persone appartenenti a ciascun nucleo il totale degli individui assistiti raggiunge le 10.035 unità, di cui 2.382 minori. A livello numerico siamo in linea con i dati del 2019, ma quello che cambia è l’affluenza.

Se nel 2019 i passaggi furono 39.942, nel 2020 siamo arrivati a 74.090, questo implica fondamentalmente due aspetti: il primo è che chi è povero è sempre più povero ed ha un’impellente e costante bisogno di aiuto; il secondo è che nel 2020 le persone che si sono rivolte alle Caritas erano prevalentemente del territorio, per cui sono tornate più volte a chiedere aiuto perché hanno trovato in esse un punto di riferimento. In dieci anni gli italiani che si sono presentati alle Caritas della diocesi di Rimini, sono passati dal 20,5% al 44%, un incremento davvero notevole.

Considerando le differenze tra il 2010 e il 2020, la fotografia degli italiani di oggi è questa:

• Il divario tra uomini e donne italiani si è assottigliato: i primi sono il 56%, le seconde il 44%; • Sono aumentati gli over 65, trattasi sia di disoccupati che faticano a reinserirsi nel mondo del lavoro, che di pensionati che si rivolgono alla Caritas per aiutare figli e nipoti rimasti disoccupati.

• Ad essere più colpite sono le famiglie italiane, infatti, rispetto al 2010, sono aumentati sia gli uomini che le donne che vivono in famiglia (i primi sono il 35%, le secconde il 66%).

• La maggior parte degli italiani è disoccupato, ma tra gli uomini è cresciuta la percentuale di coloro che hanno un’invalidità (8%) e di chi è pensionato (13%), mentre tra le donne sono aumentate quelle con un’occupazione (11%) e le pensionate (22%).

• Sia per gli uomini che per le donne il titolo di studio più frequente è la terza media, ma tra le donne è cresciuta la presenza di un diploma di scuola superiore (11%), tra gli uomini quelli con un diploma professionale (18%) e per entrambi i sessi i laureati si aggirano intorno al 2,5%.

• Il 76% degli italiani ha residenza nella diocesi di Rimini, quindi è cresciuta notevolmente la povertà locale. Gli immigrati che si sono rivolti alle Caritas riminesi provengono da tutti i continenti. La presenza principale è rappresentata dai nord africani, in particolar modo marocchini (30%) che sono equamente suddivisi tra uomini soli e famiglie con minori. Seguono le donne dell’Est (25%), tornate a crescere dopo quasi dieci anni che erano diminuite ai Centri di Ascolto; questo aumento è dovuto alla diminuzione dei posti di lavoro come badante nel 2020. Diminuiscono gli uomini soli provenienti da altri paesi dell’Africa (17%), ma aumentano le famiglie di senegalesi e nigeriani con minori. Sono diminuite le persone provenienti dall’Unione Europea, in particolar modo i rumeni (dal 18% nel 2010 al 6% nel 2020), spesso spostatisi in altri paesi o tornati in patria. Sono aumentati i sud americani, sia singoli che famiglie(spesso numerose), passati da una media del 3% negli ultimi anni al 7,5% nel 2020, diversi hanno raccontato di essersi trovati in ulteriore difficoltà perché le loro famiglie, nei paesi d’origine, sono state particolarmente colpite dalla pandemia. Gli asiatici sono il 3%, in gran parte profughi provenienti dal Pakistan, ma anche famiglie con minori
del Bangladesh.
Nel 2020 quasi l’80% delle persone che si sono rivolte alle Caritas aveva un’abitazione, aumentano quelle che cioè vengono definite le “povertà grigie”: persone e famiglie scivolate sotto la soglia della povertà a causa della perdita del lavoro, che hanno un’abitazione, ma che non sanno come mantenerla. Decreto salva sfratti
e sospensione dei mutui hanno evitato ulteriori peggioramenti, ma una volta finite le proroghe emanate dal Governo, se queste persone non saranno riuscite a reinserirsi nel mondo del lavoro, gli effetti della pandemia saranno molto gravi e come Caritas dovremo affrontare un’ulteriore emergenza.
Sono 249 le persone proprietarie di casa che hanno bussato alle Caritas nel 2020, tra queste 68 non avevano mai chiesto aiuto. Per la maggior parte sono over 55enni, 85% italiani e 15% stranieri.
2.058 i nuclei in casa in affitto, il 37% dei quali mai rivoltisi prima alla Caritas. La fascia d’età più diffusa è tra i 35 e i 50 anni, il 62% straniero e il 38% italiano.

Sono 1.125 le famiglie con minori in casa, per un totale di 2.382 minori; il problema della povertà minorile e della povertà educativa è diffuso anche sul nostro territorio. Per questi bambini il rischio di diventare adulti poveri è molto alto, perché molti termineranno presto gli studi per non pesare sui genitori e per trovare presto un impiego, ma si tratterà di lavori che richiedono un basso profilo e che quindi offriranno un basso profitto.
La povertà generazionale la si può interrompere con la formazione, ma anche con gli aiuti economici alle famiglie per far sì che i figli continuino a studiare e si
costruiscano un proprio futuro, considerando i propri sogni e le proprie capacità.

In tempo di pandemia, dove il motto è stato: “restate a casa!” sono circa 650 i senza dimora che non hanno saputo dove posare il capo sul territorio riminese, in
diminuzione rispetto al passato, soprattutto perché c’è stata meno mobilità interna. Per alcuni il Reddito di Cittadinanza ha funzionato da paracadute, in quanto sono riusciti a pagarsi stanze d’albergo o appartamenti in residence, ma per chi non possedeva questo aiuto o non è riuscito ad accedere ad alcun tipo di beneficio statale, è stato un anno molto duro. L’accesso ai servizi igienici molto complesso in quanto per lungo tempo bar e ristoranti sono stati chiusi; mendicare in un tempo dove il distanziamento sociale è d’obbligo e dove agli occhi degli altri tutti siamo “untori”, non ha aiutato. Il dormitorio della Caritas diocesana ha chiuso dal 24 febbraio, per riaprire il 30 dicembre con un albergo con stanze singole con bagno ed offrire così il massimo della sicurezza ai senza dimora. Il dormitorio della Caritas di Cattolica ha continuato ad accogliere persone che erano già presenti da prima della pandemia, senza inserire persone nuove onde evitare situazioni di rischio contagio. Il servizio delle docce è ripartito da fine maggio in Caritas diocesana, in quanto è stato necessario acquisire l’attrezzatura idonea per garantire igienizzazione e sicurezza.

Rispetto alle professionalità più colpite si segnala: il settore turistico, camerieri, aiuto-cuochi, lavapiatti, cuochi, baristi, tuttofare che hanno chiesto aiuto perché il contratto stagionale non era stato più loro garantito o perché impossibile trovare una nuova occupazione nel settore capace di offrire garanzie, solo contratti a chiamata. Legato al settore turistico, seppur con meno presenze, anche quello del divertimento: buttafuori, pr, dj, organizzatori di eventi, ballerine, il mondo della notte è stato indubbiamente molto colpito dalla pandemia, ma trattandosi spesso di giovani, per loro la famiglia ha svolto il ruolo di ammortizzatore sociale, per questo in pochi si sono rivolti alla Caritas. In forte aumento il settore dell’assistenza e delle pulizie: negli ospedali e nelle case di cura sono stati negati gli accessi di persone esterne per svolgere servizio di assistenza e le famiglie hanno spesso deciso di sospendere accordi con le badanti, per cui queste si sono ritrovate prive di lavoro. Tra le altre professionalità troviamo: braccianti, operai, imbianchini, venditori ambulanti, circensi, bidelli, meccanici, agenti di commercio. Alcuni hanno segnalato la difficoltà ad accedere ai bonus, i tempi lunghi per riceverli o per riscuotere Cassa Integrazione o Disoccupazione. Alcune persone si sono rivolte alla Caritas proprio solo nel periodo di attesa di ricevere gli ammortizzatori sociali, per poi lasciare spazio a coloro che ritenevano avessero più bisogno di loro.

Tra le richieste più diffuse nel 2020 c’è stata quella del fabbisogno alimentare: 135mila i pasti d’asporto preparati dalle mense di Caritas diocesana, Riccione interparrocchiale e Cattolica (contro i 95mila del 2019);
27.300 i pacchi viveri distribuiti (di cui 8.800 a domicilio), mentre nel 2019 furono 18mila, di cui solo 2.400 a domicilio. Preziosissimo il servizio offerto dal “Giro Nonni” che ha consegnato 24.790 pasti a domicilio a 167 persone, di cui 84 segnalate dai servizi sociali perché positive al Covid o in quarantena. 257 le famiglie seguite da EmporioRimini, aiutate con 1.584 spese ricche di prodotti freschi, surgelati, in scatola e per l’igiene personale e della casa.