Indietro
menu
Dopo post Petitti

Le Sardine: non appoggiano nessun candidato alle (eventuali) primarie

In foto: Emma Petitti col fondatore delle 6000 sardine
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 17 mag 2021 12:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il post di ieri in cui Emma Petitti (vedi notizia) raccontava dell’incontro con Mattia Santori, fondatore delle 6000 sardine, le sardine riminesi precisano la loro posizione. “Con molta serenità precisiamo che come le 6000 Sardine di #Rimini non appoggiano nessun candidato alle Primarie del centrosinistra riminese” scrivono. “La nostra posizione è di neutralità, perché quello che ci muove sono i valori e i principi ispiratori del centrosinistra non uno o l’altro candidato o candidata. Oggi, nella Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, il nostro messaggio e il nostro ruolo unificante, assume un significato ancora più importante ed evidente. Le #Sardine nascono per fare banco, per unire: non è quindi corretto tirarle per la giacchetta. Anche perché poi la giacchetta, come si sà, non fa parte del corredo di una sardina. Che invece come tutti i pesciolini sguilla. E quindi vi preghiamo di lasciarci sguillare via libere, non imbrigliateci in ragionamenti e situazioni in cui non vogliamo stare.
Alle sardine interessa una cosa sola in questo momento: l’attivazione di una politica che risponda ai bisogni della città. Quindi convergeremo e staremo ben compatte e determinate al fianco del candidato o della candidata che il centrosinistra unito sceglierà, lo faremo per il bene che vogliamo a Rimini, a chi la abita e a chi la abiterà”.

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.