Indietro
menu
Fattor Comune, UniRimini, RivieraBanca

Startup weekend: gli studenti diventano imprenditori con tutor internazionali

In foto: la presentazione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mar 13 apr 2021 09:18 ~ ultimo agg. 14 apr 07:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Organizzato da Fattor Comune, innovation community di imprese del nostro territorio, in partnership con RivieraBanca e Uni.Rimini, la società che sostiene e promuove la presenza dell’Università di Bologna a Rimini, il Techstars Startup Weekend, in programma dal 7 al 9 maggio, arriva a Rimini. L’evento internazionale supportato anche da Google for Startup ha la durata di 54 ore, in cui studenti selezionati tra le classi quarte e quinte delle scuole superiori: ITIS “Tonino Guerra” di Novafeltria, ITC “Einaudi-Molari” di Santarcangelo, Liceo Classico “Dante Alighieri” di Rimini e Liceo Scientifico e Musicale “Marconi” di Pesaro, diventano “imprenditori per un weekend”.

Techstars Startup Weekend si inserisce perfettamente nell’ambito delle attività di interazione tra percorsi di formazione e mondo del lavoro che negli ultimi anni sono state potenziate in maniera sempre più efficace dal Campus di Rimini UniBo, dalle scuole superiori e dai numerosi stakeholder del nostro territorio. Le studentesse e gli studenti coinvolti avranno infatti l’occasione di essere protagonisti del format internazionale “dall’idea all’impresa” più famoso al mondo: prima di tutto un’esperienza concreta di realizzazione di un’idea imprenditoriale, ma anche un’occasione per vivere un’esperienza condivisa, che combini creatività e intraprendenza, competenza e responsabilità.

Obiettivo degli organizzatori è offrire uno spaccato del viaggio di un’idea dal sogno al mercato, ma anche allenare le abilità relazionali necessarie a ogni progetto di squadra. Applicare il sapere al fare, apprendere strumenti nuovi, incontrare professionisti, mentor e tutor per trasformare idee da immaginate in realizzate, sono alcuni dei propositi dell’iniziativa.

La sfida di questa edizione è senza dubbio la realizzazione nella modalità online: il coinvolgimento, l’interesse, lo stimolo che sarà offerto ai partecipanti farà in modo che siano loro i veri protagonisti dell’iniziativa. Attraverso l’interazione da remoto sarà più facile coinvolgere studenti di altre scuole, compagni di viaggio mai conosciuti prima, con cui poter lavorare insieme e collaborare per creare nuove idee.

L’evento inizierà alle 15 di venerdì 7 maggio con la presentazione delle idee imprenditoriali da parte dei partecipanti. Al termine, tutti i partecipanti voteranno le 10 migliori idee che diventeranno oggetto dei rispettivi team di lavoro. Ogni squadra analizzerà e svilupperà l’idea, validerà la sostenibilità e realizzerà il prototipo del progetto imprenditoriale. La giornata di domenica sarà infine dedicata al fine-tuning del progetto e alla preparazione del ‘pitch’ ossia il discorso di presentazione che ogni team dovrà fare alla giuria di esperti che decreterà il vincitore e i relativi premi.

Spiega Simone Badioli, Presidente Uni.Rimini: “Lo Start-up Weekend è un’iniziativa che rappresenta un’attività di supporto ai programmi sviluppati da 4 Scuole Superiori delle provincie di Rimini e Pesaro-Urbino, al fine di ottenere un maggiore coinvolgimento dei giovani nelle dinamiche lavorative e di gruppo. In questi anni abbiamo sempre cercato di favorire il collegamento con il mondo delle scuole Superiori del nostro territorio, sia per favorire le immatricolazioni ai Corsi attivati dall’Università di Bologna presso il Campus di Rimini, che per costruire nuove prospettive per il futuro lavoro dei neo laureati. In quest’ottica siamo estremamente soddisfatti di aver contribuito a sostenere e coordinare la prima edizione riminese dello Startup Weekend in collaborazione con RivieraBanca e Fattor Comune. Un evento nel quale gli studenti si misureranno con un’idea imprenditoriale e con i relativi modelli gestionali, supportati da Docenti del nostro Campus e da Manager di levatura internazionale. Il nostro obiettivo, con l’attuazione di questo progetto, che vede coinvolti circa 100 studenti di scuole Superiori delle provincie di Rimini e limitrofe, è sempre quello di generare valore e favorire la crescita culturale ed economica del nostro territorio attraverso processi formativi delle giovani risorse umane e condivisivi di competenze e modelli innovativi”.
Per Fabio Pula, Vicepresidente di RivieraBanca: “I giovani sono al centro della nostra visione come futuro. Insieme a loro ci mettiamo in discussione per rivedere il nostro modello di fare banca, con una prospettiva moderna ed innovativa, consapevoli che oggi, più che mai, dobbiamo pensare ad un mondo che non sarà più uguale a quello di prima della pandemia. Con questo progetto si cerca di dar vita a start up innovative, coniugando il mondo dell’impresa a quello della scuola; solo insieme ai giovani si costruiscono le novità”.
Gianluca Conti, Direttore Generale di RivieraBanca: “Quando parlo con i giovani neo assunti nella nostra struttura, dico a loro di non conformarsi alle nostre soluzioni, perché sarebbe un errore appiattirsi su quello che già c’è. Ognuno deve cercare di tirar fuori l’eccellenza dentro di sé e dentro di noi. Il vero maestro non è colui che insegna, ma chi indica soluzioni lontane da quelle preconfezionate Questo progetto deve essere una palestra di passioni, creatività e divertimento, sapendo che nel nostro territorio vi sono persone in grado di affrontare sfide difficili e complesse”.
Gianluca Metalli, CEO Fattor Comune, ricorda: “Innovazione e collaborazione sono parole chiave centrali nelle attività della nostra impresa – racconta Gianluca Metalli CEO di Fattor Comune – molto importanti anche per il territorio e le nuove generazioni. Con queste iniziative, attraverso la condivisione di esperienze e competenze, generiamo crescita diffusa e valore aggiunto in conoscenza e consapevolezza, sia per i giovani sia per il tessuto imprenditoriale locale, in un momento in cui unirsi per fare insieme è fondamentale”.

Notizie correlate