Indietro
menu
Lavori 2021

Sicurezza territorio: in provincia 24 cantieri per quasi 4 milioni. Ecco dove

In foto: Il presidente Bonaccini e l'assessore Priolo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 1 apr 2021 13:40
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Lavori in corso in Emilia-Romagna per aumentare la sicurezza del territorio, renderlo resistente alle sfide del cambiamento climatico e prevenire danni ambientali. Entro il 2021 saranno 491 gli interventi finanziati con quasi 90 milioni di euro di risorse di cui oltre 61 milioni con la legge finanziaria, nell’ambito del piano Proteggi Italia. 24 i cantieri previsti in provincia di  Rimini per complessivi 3 milioni e 931 mila euro. Tra questi, il progetto preliminare per la sicurezza dei torrenti Marano e Rio Melo a Riccione. Sarà possibile seguire tutti i cantieri comune per comune tramite un apposito portale: https://www.regione.emilia-romagna.it/territoriosicuro.

Il dettaglio degli interventi nel riminese

Sono in tutto 24 i cantieri di sicurezza del territorio che vedranno la luce nel 2021 in provincia di Forlì-Cesena per oltre 3 milioni 931 mila euro. Di questi, 11 riguardano la manutenzione e la cura di fiumi, versanti e costa per circa 1 milione 330 mila euro. A Montegridolfo con 50mila euro si finanziano drenaggio e consolidamento della scarpata di monte, lungo la via Villa Parigi, nella frazione di Trebbio. A Montescudo-Montecolombo sono previste opere di consolidamento di scarpate stradali, finanziate con 30mila euro, in località Albereto; un intervento di ripristino al muro di sostegno della scarpata e la stabilizzazione del versante, in località San Savino lungo la SP31, con uno stanziamento di 115mila euro; a Marazzano-Molino Bernucci, con 110mila euro, un intervento di consolidamento e sistemazione dell’alveo fluviale in corrispondenza del ponte. A Morciano di Romagna 150mila euro serviranno per realizzare la vasca di dissipazione a completamento degli interventi di stabilizzazione e consolidamento della briglia sul fiume Conca.
Per Poggio Torriana sono stanziati 50mila euro per il rafforzamento e la difesa della strada comunale in via Saiano. A Riccione 300mila euro sono destinati al progetto preliminare per la sicurezza del Torrente Marano e del Rio Melo. A San Leo sono previsti due interventi: uno da 200mila euro sul fiume Marecchia con la realizzazione di difese spondali e pennelli in pietrame a completamento degli interventi di messa in sicurezza della SP258 Marecchiese, in località Ponte Santa Maria Maddalena, l’altro da 180mila euro per il completamento del consolidamento del versante sulla strada comunale Monte Giogano- Ca’ Fabbrone. Altri due interventi saranno realizzati a Sant’Agata Feltria: in località Camporosso con un investimento di 165mila euro si consolida il tratto di versante in frana e si ripristina la viabilità della strada comunale Ugrigno, in località Croce con altri 150mila euro è previsto il rafforzamento e ripristino della strada comunale di accesso all’impianto di potabilizzazione. Infine, a Verucchio e Poggio Torriana, sul Marecchia, verranno realizzate le controbriglie della prima e della seconda briglia, localizzate a valle del ponte sulla SP14 a Ponte Verucchio finanziate rispettivamente con 700mila e 400mila euro.

I commenti

Un importante piano per progettare e realizzare opere fondamentali per la sicurezza di chi vive e lavora nella nostra regione– sottolinea il presidente della Regione Stefano Bonacciniche dimostra come la sicurezza del territorio e la prevenzione del dissesto idrogeologico siano assi prioritari del nostro programma di mandato e delle nostre azioni. Il primo passo importante è stato compiuto e con questo nuovo programma dei lavori pubblici 2021-2023 avremo a disposizione quasi 7 milioni di euro in più rispetto al precedente, con un aumento tendenziale del 20%”.

Ma certo non basta– prosegue il presidente– perché la sfida imposta dal cambiamento climatico ci insegna che dobbiamo uscire dalla logica dell’emergenza per andare sempre più verso programmi capaci di prevenire. E per questo abbiamo candidato oltre 340 cantieri per 878 milioni di euro nel Next Generation Eu. Un impegno che siamo pronti a sostenere con le nostre forze per un passaggio di testimone virtuoso e doveroso con le giovani generazioni”.

Questi cantieri rivestono un ruolo strategico anche per la capacità di adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici, con conseguenze sempre più evidenti sulla vita di tutti– spiega l’assessore Irene Priolo. Abbiamo poi ritenuto indispensabile raccontare il grande sforzo messo in campo dalla Regione attraverso il portale presentato oggi. Porre il cittadino nella condizione di comprendere cosa fanno le Istituzioni è un dovere che dobbiamo sempre più fare nostro”.

Notizie correlate
di Redazione