Indietro
menu
L'analisi della Cisl

Lavoro dipendente, a Rimini i redditi più bassi. Male donne e giovani

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 5 minuti
ven 9 apr 2021 14:22 ~ ultimo agg. 14:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 5 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Niente di nuovo sotto il sole. Purtroppo. Dichiarazione dei redditi alla mano, i lavoratori dipendenti della provincia di Rimini sono quelli con il reddito più basso in Romagna e dietro solo a Ferrara in tutta la Regione. E’ quanto emerge dall’analisi svolta dal Caf Cisl sui redditi dichiarati nella scorsa campagna fiscale. I dipendenti riminesi hanno avuto nel 2019 un reddito medio di 18.328 euro, unica provincia romagnola sotto i 20mila e ben distante dai 23.186 di media regionale. Un reddito, quello dei dipendenti riminesi, che segna una calo di 168 euro in due anni. Si conferma purtroppo il gap di genere: il reddito delle dipendenti donne è più basso del 21% rispetto alla media delle retribuzioni totali, un dato in linea con quello regionale. Ad incidere la qualità del lavoro femminile che si concentra prevalentemente nei settori dell’ortofrutta, dei servizi alle persone, del commercio e del turismo. Non se la passano meglio neppure gli under 35 riminesi che evidenziano redditi inferiori ai 10mila euro e più bassi del 41% rispetto alla media di tutti gli altri lavoratori. Colpa del precariato e di una cultura dell’organizzazione del lavoro che vede i giovani penalizzati per molto tempo, spiega il segretario generale della Cisl Romagna Francesco Marinelli. Il futuro, almeno quello immediato, non lascia ben sperare visto che la crisi, evidenzia il segretario, avrà ulteriormente aumentato il divario con l’Emilia dove si opera in settori merceologici a più alto valore aggiunto. La Cisl propone però tre azioni per invertire la rotta. In primis, alleanze forti tra lavoratori, sindacati, aziende e Istituzioni per progettare un piano di investimenti in Romagna che possa creare un maggiore valore aggiunto dalle specifiche vocazioni industriali dei territori. Poi un Patto per le Competenze per rilanciare la formazione professionale e infine una riforma che riduca la pressione fiscale che colpisce, evidenzia Marinelli, in particolare pensionati e dipendenti. Niente condoni, ma lotta all’evasione che vale 110 miliardi all’anno, e un fisco più equo, conclude.

La nota stampa della Cisl Romagna

L’indagine svolta dal CAF CISL Emilia Romagna sui redditi dichiarati nella scorsa campagna fiscale evidenziano come i cittadini romagnoli abbiano redditi inferiori a quelli del resto della Regione.
Nelle tre province Rimini la peggiore e Ravenna la migliore, mentre Forlì-Cesena quella che segnala il maggior aumento dall’anno precedente

“I lavoratori dipendenti della provincia di Rimini, anche nel 2019, sono quelli che registrano il reddito più basso in Romagna e in Regione sono penultimi, davanti solo alla provincia di Ferrara. La Romagna rimane sempre fanalino di coda rispetto al resto della Regione e nella campagna fiscale appena iniziata ci aspettiamo purtroppo che la crisi avrà ulteriormente aumentato il divario con l’Emilia. E’ necessario investire nella formazione e in un chiaro programma di politica industriale, per migliorare la qualità del lavoro nei nostri territori ed aumentare così anche la capacità reddituale di tutti i romagnoli”

E’ questa l’estrema sintesi fatta da Francesco Marinelli, segretario generale della Cisl Romagna, analizzando i dati emersi dallo studio svolto dal CAF CISL Emilia Romagna, che esamina un campione di 38 mila dichiarazioni dei redditi 2019 effettuate da lavoratori dipendenti presso il CAF CISL in Romagna nel 2020, 1240 in più rispetto all’anno precedente.
“Questi dati sono estremamente interessanti– continua il sindacalista – ed il campione utilizzato è assolutamente rappresentativo della realtà perché analizza circa il 8% dei dipendenti presenti in provincia.

REDDITO MEDIO LAVORATORI DIPENDENTI RIMINI
“I lavoratori dipendenti della provincia di Rimini che si sono rivolti al CAF CISL hanno avuto nel 2019 un reddito medio di euro 18.328 euro – illustra Marinelli – il più basso tra le province romagnole, ed inferiore di 168 euro rispetto a quello registrato dall’indagine CAF nel 2017. La provincia di Rimini si classifica al 8°posto in Regione, con un reddito medio inferiore del 21% rispetto alla media regionale (TABELLA 1).

Le province romagnole si classificano agli ultimi posti in Regione, davanti solo alla provincia di Ferrara (Ravenna al 6° posto; Forlì-Cesena al 7° posto; Rimini all’8 posto in Regione). Le motivazioni di questo- specifica Marinelli- sono da riscontrarsi principalmente alla presenza nei territori emiliani di settori merceologici a più alto valore aggiunto, che offrono stipendi più altri, determinando quindi anche redditi maggiori. Ma non solo, anche la qualità del lavoro incide sui bassi redditi e questo vale purtroppo soprattutto per le donne ed i giovani. Sono loro infatti ad avere il maggior numero di contratti a tempo determinato e stagionale, che determinano stipendi più bassi ed un minor numero di giornate lavorate.

DONNE E GIOVANI
Il reddito medio delle donne nella provincia di Rimini è più basso del 21% rispetto alla media delle retribuzioni totali, dato in linea con quello regionale (TABELLA 2).

“La qualità del lavoro svolto dalle donne incide fortemente sul loro reddito – evidenzia il segretario – impiegate principalmente nei settori dell’ortofrutta, dei servizi alle persone, del commercio e del turismo. Purtroppo ci aspettiamo un peggioramento, visto che i dati sull’occupazione femminile in Emilia Romagna evidenziano un calo a settembre 2020 del 3%, che equivale a circa 13 mila posti di lavoro in meno tra le lavoratrici dipendenti. La pandemia infatti ha determinato la perdita di numerosi contratti di lavoro a tempo determinato e stagionali, dove in maggioranza sono impiegate le donne.”

“Esaminando anche le denunce dei redditi dei lavoratori under 35 di Rimini – precisa Francesco Marinelli – si riscontrano posizioni reddituali più basse del 41% rispetto alla media di tutti gli altri lavoratori. “Questo dato- afferma Marinelli- è principalmente dovuto a tipologie di lavoro precarie, ma soprattutto di una cultura dell’organizzazione del lavoro che vede i giovani penalizzati per molto tempo, anche oltre i 30 anni di età, senza possibilità di accedere a posizioni lavorative più gratificanti”. (TABELLA 3)

CONCLUSIONI
“I numeri del dossier CAF CISL ci preoccupano- sottolinea il segretario della CISL Romagna Francesco Marinelli- soprattutto poiché ci aspettiamo che dall’analisi dei redditi 2020 emergeranno ulteriori difficoltà. Ma tanto è possibile fare per invertire la tendenza negativa e come CISL proponiamo tre azioni che riteniamo siano fondamentali”.
“Prima di tutto a livello romagnolo servono alleanze forti tra lavoratori, sindacati, aziende e Istituzioni per progettare insieme un piano di investimenti in Romagna, adeguato ad una robusta politica industriale, che possa creare un maggiore valore aggiunto dalle specifiche vocazioni industriali di ogni territorio. Se in Emilia Romagna l’89% delle imprese è una micro impresa- continua Marinelli- è evidente quanto sia indispensabile fare rete, ad esempio per utilizzare al meglio i fondi strutturali europei, integrando interventi dei piani operativi regionali FSE (Fondo di Sviluppo Europeo) e FESR (Fondo europeo di sviluppo regionali). Inoltre sarà importante supportare le filiere, favorendo forme di collaborazioni organizzative, tecnologiche e formative.

E’ necessario inoltre un “Patto per le Competenze”, come già richiamato dal recente Patto per il Lavoro e per il clima. “Questo- afferma il segretario- dovrà portare ad un forte rilancio della formazione professionale e ad una formazione continua per i lavoratori. La pandemia ha infatti velocizzato un processo di digitalizzazione che non possiamo abbandonare e che coinvolgerà sempre più le nostre realtà lavorative. I lavoratori devono così poter rimanere aggiornati e conseguire nuove competenze durante tutto il loro percorso professionale”.

Infine- conclude il Segretario della CISL Romagna- “una riforma indispensabile sarà quella fiscale, poiché in Italia la pressione fiscale è insopportabile, in particolare per i dipendenti e pensionati, che contribuiscono al 95% del totale del gettito Irpef. Una riforma fiscale deve essere basata sulla progressività e sulla lotta all’evasione, non sui condoni come invece il Governo ha previsto con il Decreto Sostegni. I 110 miliardi di euro che ogni anno vengono evasi nel nostro Paese- sottolinea il Segretario cislino- significano tantissime risorse in meno che potrebbero essere usate per infrastrutture sociali, sanitarie, e mai come in quest’ultimo anno sappiamo quanto sia importante investire in queste risorse”.

Meteo Rimini
booked.net
]