Indietro
menu
Accordo Guardie Ecologiche

Conferimento rifiuti: 70 multe nel 2020 a Rimini

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 5 mar 2021 14:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il comune di Rimini ha rinnovato l’accordo con il Corpo delle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia per l’affidamento del servizio di controllo sul corretto conferimento dei rifiuti urbani da parte degli utenti. L’accordo, che avrà una durata triennale (2021-2022-2023) è legato alla riorganizzazione del servizio di raccolta rifiuti ed è finalizzato al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata previsti dal Piano d’Ambito. Tra le azioni messe in campo, c’è stata l’installazione sui cassonetti di calotte apribili e l’utilizzo della tessera per l’apertura. Un sistema che se da un lato consente un maggior controllo delle quantità di rifiuto indifferenziato conferito, dall’altro ha incoraggiato alcuni comportamenti irregolari come l’abbandono dei rifiuti a terra. Anche su questo aspetto dovranno vigilare le Guardie Ecologiche Volontarie chiamate a risalire al colpevole tramite l’analisi dei rifiuti per il successivo sanzionamento da parte della Polizia Municipale. E nel corso del 2020 sono stati 70 i verbali notificati. Numeri in crescita se si pensa che erano 86 le violazioni elevate nel 2018, 121 quelle nel 2019 e considerato i mesi del 2020 di sospensione del servizio a causa dell’emergenza sanitaria. 770 complessivamente dal 2014. Per i trasgressori la sanzione è di 104 euro.

Il Corpo delle Guardie Ecologiche Volontarie darà supporto alla Polizia Locale anche nel controllo sugli animali d’affezione e l’applicazione delle diverse norma previste. Anche per il prossimo biennio 2021 -2022 infatti il corpo dei volontari riconosciuti dalla legge potranno fare delle verifiche nei parchi cittadini e nelle strade per controllare il corretto uso della museruola, il guinzaglio la raccolta delle deiezioni oppure la presenza pericolosa di animali nelle aree da gioco dedicate ai bambini. Violazioni che potranno essere contestate direttamente da loro, come la legge gli consente di fare, oppure segnalate alla Polizia Locale nei casi di pericolo o emergenza legata alla sicurezza dei cittadini.

Notizie correlate
di Redazione   
di Silvia Sanchini