Indietro
menu
sbarcano easypark e mycicero

A Riccione il parcheggio si paga con un click

In foto: a Riccione sbarcano EasyPark e MyCicero
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 20 mar 2021 13:01
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Da oggi anche a Riccione sono attive EasyPark e MyCicero, le app di mobile parking che consentono agli automobilisti di attivare, terminare e pagare la sosta su strisce blu comodamente dal proprio smartphone, in modo estremamente facile e rapido. Molti i vantaggi per chi usa le app: l’area di sosta e la relativa tariffa vengono visualizzate automaticamente tramite geolocalizzazione; è possibile prolungare la durata della sosta direttamente dal cellulare, ovunque ci si trovi, o interromperla anticipatamente al rientro in auto, pagando solo il tempo di sosta effettivamente consumato, nel rispetto delle tariffe stabilite dall’amministrazione comunale. Inoltre si può utilizzare il servizio nelle oltre 2200 città in cui è attivo, di cui 470 in Italia, tra cui Bologna, Cattolica, Rimini, Ferrara e Imola. L’obiettivo del Comune è quello di incrementare il pagamento elettronico.

Ringraziamo l’amministrazione comunale per aver ben compreso quanto la digitalizzazione possa fornire soluzioni tempestive ed efficaci anche per il parcheggio – ha dichiarato Giuliano Caldo, General Manager di EasyPark Italia –. Con la nostra app l’utente può gestire e pagare la sosta con comodità e senza perdere tempo. Attivare la sosta con EasyPark è molto semplice ed intuitivo, anche per chi non è avvezzo alla tecnologia. Bastano davvero pochissimi click”.

Come funziona? Servono solo 2 minuti per installare l’app e iniziare ad usarla. Per utilizzare EasyPark o MyCicero è necessario scaricare l’app dagli store iOS e Android, inserire il numero di cellulare e disporre di carta di credito, anche prepagata, dei circuiti Visa, Mastercard o American Express. Le informazioni richieste per iniziare la sosta sono: il codice area di sosta, riportato attivando la geolocalizzazione e visibile anche sui parcometri, il numero di targa del veicolo, proposto automaticamente dopo il primo inserimento, e l’orario previsto di fine sosta, che potrà essere prolungato o interrotto anticipatamente, al rientro in auto. Gli ausiliari del traffico possono verificare la corretta attivazione della sosta tramite il controllo della targa dell’auto.

Notizie correlate
di Redazione