Indietro
menu
sequestrata erba, hashish e coca

Droga tra le fatture dell'azienda dove lavora. Dipendente riminese arrestato

In foto: il sequestro della polizia Locale
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 6 feb 2021 14:23 ~ ultimo agg. 7 feb 11:20
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Aveva nascosto la droga fra i faldoni delle fatture archiviate nell’ufficio in cui lavorava come dipendente e da lì la spostava secondo le esigenze di spaccio. Sono partiti da queste informazioni, provenienti da fonti confidenziali, gli agenti della Squadra giudiziaria della polizia Locale di Rimini, che giovedì pomeriggio hanno concluso un’altra importate operazione antidroga che ha portato all’arresto di un riminese di 33 anni e al sequestro di oltre 7 chili di sostanze stupefacenti.

Un’indagine che, all’inizio di questa settimana, ha portato ad una prima perquisizione, avvenuta all’interno del capannone di una ditta riminese, dove – in accordo con i titolari ed in segreto nelle ore serali – il fiuto di Bruce, il cane antidroga della polizia Locale,  ha scovato due grossi pacchi di marijuana, uno del peso di un chilo e l’altro di mezzo, accuratamente nascosti fra gli scaffali delle fatture archiviate. Droga che è stata esaminata e lasciata li dopo essere stata posta sotto “sequestro formale”, per consentire le successive fasi dell’indagine.  L’operazione infatti,  continuata nei giorni successivi, usando tutta la tecnologia e i sistemi di controllo più innovativi – dall’utilizzo delle telecamere nascoste, ai sistemi di geolocalizzazioni sulle auto, fino ai pedinamenti fatti da agenti travestiti da operai – ha portato all’arresto di un riminese di 33 anni che fra la sua abitazione e il posto di lavoro, portava avanti la sua attività di spaccio.

Dalle telecamere, infatti, i vigili hanno visto il sospettato nascondere altra droga all’interno del nascondiglio svelato da Bruce, e hanno atteso fino a giovedì, quando, verso l’ora di pranzo, l’uomo si stava allontanando dall’ufficio usando l’auto aziendale. Aveva appena caricato una borsa in auto e altri due faldoni rossi contenenti la stanza stupefacente che probabilmente avevo deciso di spostare, quando gli agenti operai hanno interrotto il trasporto arrestandolo.

Dall’auto e, da una seconda perquisizione avvenuta nella sua abitazione, sono emersi un totale di oltre 7 chili di sostanze stupefacenti, prevalentemente marijuana, ma anche di un chilo e mezzo di cocaina e 2,2 di hashish. All’interno dell’abitazione è stato sequestrato anche un bilancino e tutto il materiale utile per il confezionamento. L’uomo – a cui sono stati contestai i reati di detenzione ai fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale per aver reagito nel momento del fermo – è stato subito arrestato e condotto nel carcere di Rimini, dove ora è in attesa della convalida del gip.

 

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.