Indietro
menu
appello dei sindacati

Assalto alle Poste di Riccione. Aumentare guardie sui mezzi

In foto: Fotogallery Migliorini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 24 feb 2021 15:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Va cambiata la norma che prevede l’impiego di due sole guardie giurate quando il denaro trasportato non supera certi massimali. A chiederlo i sindacati Cgil, Cisl e Uil, fortemente preoccupato dopo l’assalto di ieri all’ufficio postale di viale Corridoni a Rimini, a danno di un mezzo e degli uomini della CoopService.
Purtroppo – scrivono le segreterie territoriali di FISASCAT-CISL ROMAGNA , FILCAMS – CGIL RIMINI – UILTUCS EMILIA-ROMAGNA – il periodo che stiamo attraversando, caratterizzato dal tracollo del tessuto economico territoriale a causa della pandemia, rende il lavoro delle guardie giurate sempre più esposto a gravi episodi di questa natura, che possono mettere in pericolo la vita di questi lavoratori. Va cambiata la norma perchè non è l’importo che demoralizza gli assalitori.

Le sigle sindacali ricordano che il contratto nazionale dei lavoratori della vigilanza privata e servizi fiduciari, che in provincia di Rimini sono oltre 150, è scaduto da 5 anni: “chiediamo alle Istituzioni, alle forze sociali e all’imprenditoria di riporre la massima attenzione ai temi posti dalle organizzazioni sindacali di categoria affinchè la tutela di questi lavoratori venga sempre garantita”.

Notizie correlate
di Lamberto Abbati