Indietro
menu
lavori a settembre

Nuovo lungomare Cattolica: entro fine gennaio il progetto esecutivo

In foto: un rendering del Lungomare Rasi-Spinelli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 8 gen 2021 12:39 ~ ultimo agg. 12:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A breve dovrebbe arrivare il progetto definitivo per la riqualificazione del lungomare Rasi Spinelli di Cattolica. La stesura finale arriverà al massimo entro la fine del mese di gennaio. Lo annuncia l’amministrazione comunale. In mattinata a Palazzo Mancini sono tornati i progettisti del nuovo waterfront per confrontarsi e raccogliere le indicazioni di dirigenti e tecnici. Successivamente il progetto sarà al centro di una conferenza dei servizi per l’acquisizione dei pareri di legge, in particolare verrà sottoposto ad autorizzazione paesaggistica da parte della Soprintendenza di Ravenna.

Ad aggiudicarsi il bando nei mesi scorsi, lo studio Medaarch di Cava dei Tirreni. Tre gli obiettivi del progetto: valorizzare gli elementi storico-territoriali del contesto urbano e degli elementi identitari del paesaggio; generare occasioni aggregative sociali e sportive durante tutto l’anno, sviluppare una progettazione del verde finalizzata sia alla rinaturalizzazione dell’area, sia per aumentarne la resilienza e restituire un maggiore grado di naturalità al waterfront.

Il nuovo lungomare sarà dotato di spazi verdi, piste ciclabili, aree relax, una wellness arena, spazi di socializzazione, per ospitare eventi, favorire incontri ed esperienze tra natura e città. L’auspicio è che i primi lavori possano iniziare subito dopo l’estate. 3,3 i milioni di euro di finanziamenti ottenuti grazie al secondo posto provinciale nella graduatoria del bando della Regione. L’intera riqualificazione del lungomare Rasi-Spinelli costerà 4,5 milioni e un quarto della cifra sarà a carico del comune.

I lavori ultimati consegneranno a Cattolica ottocento metri di lungomare con larghezza complessiva di oltre 20 metri e con un effetto visivo che restituirà la visibilità verso l’orizzonte, grazie a soluzioni che sostituiscono l’attuale piattaforma stradale (pedonale, carrabile e ciclabile) con un’unica piattaforma dalle caratteristiche uniformi.

 

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
FOTO