Indietro
menu
Indagine di Polizia Locale

Minore si pubblica sui social con arma finta. Nel controllo spunta anche droga

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 5 gen 2021 13:49 ~ ultimo agg. 6 gen 14:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Era uscito sul balcone di casa la sera del 31 dicembre per festeggiareil nuovo anno, sparando in aria con la sua pistola giocattolo, una fedelissima imitazione di un modello “PPK Parabellum”. La scena ha fatto li giro del web in quanto il minore, residente a Rimini,  si era ripreso con il suo smartphone e aveva postato il video sui suoi social. Un post su Facebook e una ‘storia’ su Instagram insieme ad un altro video – fatto all’interno dell’abitazione – che lo ritraeva mentre cantava con una ragazza, tenendo sempre in bella mostra la stessa arma finta.
Sono partiti proprio dai post che il 17enne ha pubblicato sui social media – e anche da altre fonti confidenziali – gli agenti della Polizia Locale di Rimini che, nel pomeriggio di ieri, hanno rintracciato l’abitazione del giovane e sono andati a fargli visita. Un controllo, eseguito ai sensi dell’articolo 41 del TULPS,  che prevede l’obbligo, da parte della Polizia Giudiziaria, “di compiere perquisizioni e sequestri quando abbia ricevuto notizia, anche anonima, della presenza illecita di armi, munizioni e materie esplodenti, non denunciate, non consegnate o comunque abusivamente detenute”.
Durante la perquisizione,- a cui il giovane collabora mostrando subito il suo giocattolo – gli agenti, oltre a constatare che l’arma era finta,  hanno notato su un tavolo tracce riconducibili alla detenzione di sostanze stupefacenti e un involucro contenente 4,38 grammi di hashish, che il ragazzo ha consegnato agli agenti spontaneamente, prima ancora che venisse disposta una seconda perquisizione.

Il Pubblico Ministero competente del Tribunale dei Minori, ha disposto il sequestro della sostanza stupefacente e dello smartphone del minore che è stato denunciato per il reato previsto dall’articolo 73 del DPR 309 del 90 che punisce penalmente la detenzione ai fini di spaccio. Il giovane che risultava avere dei precedenti specifici in quanto a settembre scorso era stato pizzicato per lo stesso tipo di reato.  Attualmente sono in corso altre valutazioni del caso da parte del Tribunale dei Minori.

Già lo scorso ottobre la moda di fotografarsi con armi in mano da parte dei minori era finita sulla ribalta delle cronache per un’indagine della Polizia Postale su segnalazioni da parte di genitori preoccupati (vedi notizia).

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Redazione   
FOTO