Indietro
menu
L'Ausl fa il punto

Nelle residenze per anziani della Romagna sono 532 le positività

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 6 dic 2020 09:31 ~ ultimo agg. 09:32
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un calo contenuto delle nuove positività che, a breve, dovrebbe portare anche ad una diminuzione dei pazienti covid ricoverati in Romagna. Lo ha spiegato il direttore sanitario dell’Ausl Mattia Altini nel corso della riunione dell’ufficio di Presidenza della Conferenza territoriale sociale e sanitaria dell’Ausl Romagna. Altini ha anche evidenziato come nell’ultima settimana si siano abbassati i tempi di refertazione e comunicazione delle nuove positività, il 90% delle quali rientra di nuovo nelle 24-48 ore dall’effettuazione del tampone. Sul fronte specifico delle residenze per anziani (Cra), attualmente sono presenti casi in 61 strutture in Romagna con 532 ospiti positivi, 92 dei quali ricoverati. Ammontano a 302, ma da inizio pandemia, i decessi tra gli ospiti delle Cra. Aumentano le strutture per ospitare pazienti fragili paucisintomatici, oltre a quelle di Rimini, Novafeltria e Ravenna, ne è stata attivata una a Predappio con 16 posti e a breve ne aprirà una ulteriore nel cesenate con 9 posti. Nel Ravennate è invece attiva una struttura con 6 posti per pazienti psichiatrici covid positivi.

Con voto unanime, l’ufficio di presidenza ha poi nominato il dottor Mirco Tamagnini, direttore delle Attività sociosanitarie dell’Ausl Romagna, come coordinatore della Task force interistituzionale per il Covid. Infine, per quanto riguarda i vaccini contro l’influenza stagionale, il direttore della Sanità pubblica Raffaella Angelini ha ribadito che sono attese in tempi brevi nuove dosi, ma ha anche evidenziato come, rispetto all’anno scorso, il numero complessivo di persone vaccinate sia già aumentato in maniera significativa e come la vaccinazione sia altrettanto efficace anche se effettuata nei mesi di dicembre e inizio gennaio.

Notizie correlate
di Redazione