Indietro
menu
indagine dei carabinieri

Aveva aggredito e rapinato un negoziante a Miramare, fermato un 30enne

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 19 dic 2020 13:48 ~ ultimo agg. 17:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La scorsa esteta aveva aggredito il proprietario di un discount a Miramare per sottrargli il portafoglio contenente 200 euro ed era riuscito a dileguarsi prima dell’arrivo dei carabinieri. I militari della Stazione di Miramare lo avevano individuato poco ore dopo, ma lui, un 30enne della Costa d’Avorio, senza fissa dimora, era stato abilissimo a fare perdere le sue tracce, allontanandosi da Rimini.

Il proprietario del discount di viale Regina Margherita se l’era cavata con 7 giorni di prognosi e un grosso spavento. Aveva cercato di opporsi al nordafricano, che lo aveva strattonato e spintonato a terra. Erano le sei di mattina del 18 agosto quando i carabinieri hanno raccolto la testimonianza della vittima per poi mettersi subito sulle tracce dello straniero. Che era solito frequentare il parco Murri e dormire all’interno dell’ex colonia Enel, da anni in stato di abbandono e rifugio di sbandati, oggetto di assidui controlli dei militari soprattutto in estate. E’ lì che l’ivoriano era già stato pizzicato e denunciato.

Dopo l’aggressione, però, aveva deciso di lasciare Rimini, ma ieri sera (venerdì) i militari bolognesi lo hanno fermato in piazza Verdi. Sulla sua testa pendeva un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Rimini ed è stato arrestato con l’accusa di rapina. Ora si trova rinchiuso nel carcere di Modena e presto dovrà comparire in tribunale a Rimini.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione