Indietro
menu
Il titolare reagisce e spara

Rapina in gioielleria in pieno centro a Rimini

In foto: Adriapress
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 5 nov 2020 17:48 ~ ultimo agg. 6 nov 16:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Rapina in pieno centro storico oggi, poco le 16.30, a Rimini, alla gioielleria Benvenuti di via Garibaldi. All’opera un malvivente solitario, con inflessione straniera. Col volto coperto da un cappellino e mascherina chirurgica, prima si è finto interessato alla merce poi ha estratto da sotto il suo smanicato un piede di porco in ferro col quale ha minacciato il titolare.

Titolare che però ha reagito estraendo una pistola Smith & Wesson calibro 38 caricata a proiettili a pallini. Prima ha sparato un colpo in aria, poi un altro, forse due, verso il rapinatore ma, ha specificato poi, “senza mirare a organi vitali”. Il malvivente, pare rimasto leggermente ferito da uno dei colpi esplosi, è fuggito a piedi in direzione di vicolo San Bernardino. Sarebbe riuscito ad arraffare da un espositore in vetrina pochi gioielli. “Per fortuna è andato tutto bene – sono le poche parole rilasciate dal titolare, 72 anni e sangue freddo da vendere -. Ci ha minacciati con un piede di porco e io ho reagito. Il primo colpo l’ho sparato in aria, ma non è servito. Allora ne ho esploso un altro, poi è scappato”. Sul posto le Volanti della polizia, la Scientifica e gli uomini della Squadra mobile, che si stanno occupando dalle indagini.

Le telecamere interne della gioielleria hanno immortalato l’aggressione e ora i filmati sono nelle mani degli investigatori. Sequestrata anche la pistola del gioielliere, che è in possesso di regolare porto d’armi. Non è la prima volta, però, che Benvenuti si ritrova faccia a faccia con i rapinatori: “Mi era già successo, ma molti anni fa”.

Notizie correlate
di Redazione   
Aperture gratis per il pubblico

Arte contemporanea, apre a Rimini il PART

di Redazione   
di Simona Mulazzani