Indietro
menu
presentazione proposte

350 pc gratuiti a studenti e "web" open day per le scuole Karis

In foto: Giacomo Poretti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 20 nov 2020 13:15 ~ ultimo agg. 15:45
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Migrano sul web gli open day delle scuole Karis. Domani, 21 novembre, primo appuntamento dalle 15.00 sulla piattaforma www.opendaykaris.it dalle aule dei tre licei (classico, scientifico, linguistico). Prima tappa di un percorso, aperto a chiunque voglia conoscere proposta e realtà della comunità educante Karis in tutte le sue scuole di ogni ordine grado. E anche con due ospiti speciali: il presidente Confindustria Romagna Paolo Maggioli e l’attore Giacomo Poretti del trio Aldo, Giovanni e Giacomo.

Ci saranno poi anche dirette settimanali di Karis Live. “Da ognuna delle nostre scuole una volta la settimana trasmetteremo in streaming un racconto in presa diretta dell’istituto, presentato da un unico conduttore, con clip registrate stile servizio giornalistico, di cui saranno protagonisti studenti, famiglie, docenti – spiega Paolo Valentini, coordinatore didattico dei licei – in Live Karis parleremo della nostra vita scolastica, delle iniziative didattiche e formative. Un modo per coprire il vuoto lasciato dall’impossibilità di organizzare eventi e incontri all’interno degli istituti, creata dalla situazione sanitaria”.  

 E a rendere possibile la piena connessione, annullare il digital divide tra studenti, ci ha pensato la distribuzione gratuita di oltre 350 Pc portatili a tutti i ragazzi che ne erano sprovvisti. “Abbiamo assegnato in comodato d’uso lap top a ragazzi delle medie e dei licei, che li utilizzeranno fino alla fine del loro ciclo di studi. Dobbiamo ringraziare tutti gli studenti e le famiglie che ci hanno comunicato di non averne bisogno e ci hanno consentito di investire la cifra risparmiata, in altre attività di sostegno per altre famiglie di studenti che stanno, invece, vivendo le difficoltà economiche causate dalla pandemia – conclude Stefano Casalboni, direttore generale Fondazione Karis e consigliere consorzio opere educative EDUCO – il PC non è solo risposta emergenziale alla necessità della DAD, pienamente operativa nei nostri istituti superiori, ma uno supporto didattico essenziale anche nella didattica in presenza e per i prossimi anni scolastici. Per questo, rimarrà con loro per tutta la durata del loro ciclo di studio alle medie o ai licei”. 

Notizie correlate
di Redazione