Indietro
menu
indagine sui "vecchi" team

Selezionati i 13 finalisti di Nuove Idee e Nuove Imprese

In foto: i finalisti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 8 ott 2020 11:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Da 105 a 13. Tanti sono i candidati che sono rimasti nella selezione per Nuove Idee Nuove Imprese 2020. Per  i 13 team finalisti è partito il secondo ciclo di lezioni con il Prof. Francesco Maria Barbini del Dipartimento Scienze Aziendali dell’Università di Bologna Campus di Rimini. Si tratta di Bespoke, Emidio, eSteps, FilFit, Golee, Italiano Low Fodmap Food, Kablator, Madaprojects, Moto Turismo Italia, Tam Tam, Towers Energy, Trebo e Wait4Call. Sono stati meritevoli di proseguire il percorso che da diciannove anni sostiene lo sviluppo dell’imprenditorialità locale.

I settori a cui si rivolgono sono vari: dai servizi informatici all’industria manifatturiera, dall’elettronica all’alimentare, passando per i servizi legali e di consulenza aziendali a quelli di assistenza sanitaria e sociale. Anche la provenienza degli aspiranti imprenditori è variegata: la maggioranza dei finalisti, quattro, fa base a Rimini, tre provengono la Bologna, due dalla provincia di Forlì Cesena, uno da San Marino mentre gli i restanti tre hanno origine a Reggio Emilia, Foggia e persino dalla Colombia.

I business plan dei gruppi che hanno partecipato alle scorse edizioni sono stati oggetto di uno studio sviluppato da un team di ricerca del Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna – Campus di Rimini. Il contributo scientifico, pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale “The Journal of Technology Transfer”, analizza i meccanismi del trasferimento di conoscenza tra Università e imprese.

L’analisi  ha preso in esame 154 progetti e 535 membri dei team che hanno partecipato a Nuove Idee Nuove Imprese nel periodo 2010-2017. L’indagine ha evidenziato come i partecipanti che abbiano una formazione universitaria alle spalle (o in corso) sfruttino le conoscenze acquisite per sviluppare progetti imprenditoriali con un contenuto tecnologico più elevato rispetto a quelli proposti da non laureati. Esiste dunque una forte relazione tra ambito formativo e intensità di ricerca e sviluppo. Lo studio mostra anche che l’università alimenta la creazione di reti di relazioni tra gli studenti e i neolaureati iscritti agli stessi corsi universitari e stimola l’avvio di iniziative imprenditoriali comuni.

Questa ricerca, condotta dai Professori Francesco Maria Barbini, Marco Corsino e Paola Giuri, può avere implicazioni importanti: i risultati, infatti, contengono informazioni utili per la progettazione di corsi universitari, per iniziative di trasferimento di conoscenza, ma anche per le politiche locali a supporto dell’imprenditorialità.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
di Redazione