Indietro
menu
aggiunti nuovi paesi

Rientro in Italia, obbligo di tampone prima di partire o all'arrivo

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 8 ott 2020 12:30 ~ ultimo agg. 9 ott 12:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza, che contiene misure urgenti di contenimento e gestione dell’emergenza sanitaria e che entra in vigore oggi (8 ottobre). L’ordinanza dispone in particolare l’obbligo di test molecolare o antigenico per chi proviene o ha transitato nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia in alcuni Paesi europei a maggior rischio per Covid-19 e l’obbligo di comunicare l’ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione della Asl.

“Per le persone che intendono fare ingresso nel territorio nazionale e che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Belgio, Francia, Paesi Bassi, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Repubblica Ceca e Spagna – recita l’ordinanza – vigono le seguenti misure di prevenzione, alternative tra loro:

  • obbligo di presentazione al vettore all’atto dell’imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli dell’attestazione di essersi sottoposte, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
  • obbligo di sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine, ove possibile, ovvero entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’Azienda sanitaria locale (ASL) di riferimento; in attesa di sottoporsi al test presso l’azienda sanitaria locale di riferimento le persone sono sottoposte all’isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora.

Quindi, chi rientra dai Paesi sopracitati, ha due possibilità: la prima è che si sottoponga al tampone nel Paese di provenienza nelle 72 ore prima dell’arrivo in Italia, mentre la seconda è che si sottoponga al tampone in Italia, all’arrivo in aeroporto o entro 48 ore recandosi alla propria Asl, con l’obbligo di restare in isolamento fiduciario fino al momento dell’esito.

 

 

Notizie correlate
di Redazione