Indietro
menu
cisl: gesto mirato

Danneggiate le auto di medici e infermieri dell'ospedale Infermi

In foto: Una delle vetture danneggiate fuori dall'ospedale
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 26 ott 2020 13:18 ~ ultimo agg. 27 ott 07:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Partiamo dal dato oggettivo. Numerose auto di medici, infermieri e oss dell’ospedale Infermi di Rimini sono state danneggiate nella notte tra sabato e domenica mentre erano posteggiate nei parcheggi riservati al personale sanitario, quelli di via Settembrini, via Stampa e via Flaminia. Finestrini e specchietti in frantumi e, in qualche caso, addirittura la carrozzeria rigata. Per la Cisl Fp Romagna e per alcuni degli stessi medici si è trattato di un raid vandalico “rivolto unicamente a colpire il personale sanitario”. Perché qualcuno dovrebbe avercela con medici e infermieri, che soprattutto in questo periodo storico tanto stanno facendo per la popolazione, resta un mistero.

“Difficile trovare una spiegazione – afferma la sindacalista Dorella Lotti -, però il personale sanitario si sente un bersaglio. Ad aver compiuto gli atti vandalici, perché per noi di atti vandalici si tratta, potrebbe essere stato qualcuno insofferente alle attese che si vengano a creare in ospedale in questo periodo di emergenza o magari ad alcune regole da osservare. Quel che è certo è che ad essere colpita è stata l’intera categoria”.

I carabinieri di Rimini, che parlano di danneggiamenti finalizzati al furto di oggetti (magari l’intento era quello di rubare anche solo pochi spiccioli) piuttosto che di raid vandalico, al momento hanno raccolto una ventina di denunce. Le auto prese di mira però sarebbero molte di più, secondo la Cisl Fp almeno 60-70. Di sicuro individuare i responsabili non sarà semplice, dal momento che i parcheggi non sono dotati di telecamere. A tal proposito il sindacato torna a chiedere si installi un sistema di videosorveglianza diffuso e che l’azienda sanitaria trovi il modo di risarcire il danno.

 

Notizie correlate
di Redazione