Indietro
menu
Target sui giovanissimi

Crescita casi in Romagna. Ausl: risultato di ricerca attiva. Un appello ai giovani

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 27 ago 2020 18:07 ~ ultimo agg. 28 ago 10:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La crescita negli ultimi giorni dei casi di positività in Romagna (vedi notizia), spiega l’Ausl Romagna, è legata “alla ricerca attiva del virus finalizzata a limitarne per quanto possibile la diffusione. Infatti oltre 80 delle 87 nuove positività accertate, fanno riferimento a tamponi effettuati a seguito di rientri dall’estero, screening di vario tipo, contact tracing, e ricerca attiva di coloro che hanno frequentato la serata di Ferragosto alla discoteca “Le Indie”, mentre sono molto limitati i casi di diagnosi a seguito di sintomi“.

Tutti i pazienti sono in isolamento domiciliare tranne uno che è stato individuato a seguito di tampone effettuato per accesso al Pronto soccorso per altra patologia. Le persone asintomatiche sono 40 mentre tra quelle sintomatiche, nella maggior parte dei casi la sintomatologia è insorta quando la positività era già stata rilevata o comunque già in isolamento domiciliare. Complessivamente, ricorda l’Ausl Romagna, dopo la serata alle Indie sono stati testati 590 giovani a Ravenna, 510 a Forlì e 250 a Cesena con 91 positività complessive (Ravenna 48, Forlì 22, Cesena 21). “Un tale numero – spiega l’azienda sanitaria – troppo elevato per essere riconducibile ad un unico evento puntuale, non consente di correlare tutti i contagi alla sola partecipazione alla serata del 15 agosto alla Discoteca Le Indie. E’ invece verosimile che le abitudini e gli stili di vita dei giovanissimi, che rappresentano il target dell’indagine in corso – molto attivi sul fronte divertimento e non sempre basati su canoni di massima prudenza che sono invece raccomandabili in questo periodo di circolazione del virus – li abbia esposti a numerose e diverse occasioni di contagio.”

L’Azienda rinnova a tutti e in particolare ai giovani e giovanissimi le ormai note raccomandazione: evitare gli assembramenti, mantenere il distanziamento fisico di un metro, indossare la mascherina e igienizzare frequentemente le mani. Solo così evitaranno di diffondere il virus anche nella loro cerchia familiare.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione