Indietro
menu
Il nuovo presidente

Pecci su nomina Ioli. Fondazione Carim recuperi prestigio perduto

In foto: Marzio Pecci
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 24 lug 2020 14:05 ~ ultimo agg. 14:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il capogruppo riminese della Lega Marzio Pecci augura “in bocca al lupo” a Mauro Ioli, nominato alla presidenza della Fondazione Carim. Pecci coglie l’occasione per riepilogare la storia delle fondazioni bancarie in Italia per poi arrivare alla vicenda riminese, che ha visto negli ultimi anni, oltre al passaggio di proprietà del principale l’istituto di credito riminese, anche una perdita di peso economico e di prestigio della Fondazione.


La elezione di Mauro Ioli è ben augurante per la Fondazione della Cassa di Risparmio che, dal 1992 in poi, ha perso prestigio e patrimonio. Siamo certi che il Presidente si impegnerà con abnegazione per far riguadagnare il prestigio alla Fondazione riminese.

Prima di ogni analisi locale occorre ricordare, brevemente, la storia dell’istituto bancario: la Legge Crispi del 1888 annoverava le Casse di Risparmio tra gli istituti di credito di iniziativa degli enti locali, con la partecipazione del capitale privato, sottoposti alla vigilanza del Ministero dell’agricoltura, industria e commercio.

Il fascismo dava il via alla “statalizzazione” delle Casse di Risparmio, che, però, non venivano incluse tra gli istituti di diritto pubblico anche se il Governo si riservava il potere di nomina dei Presidenti.

Questo è  avvenuto fino al referendum del 1993.

Le nomine dei Presidenti riminesi sono sempre state prestigiose e l’istituto di credito ha, così, sviluppato una intensa attività bancaria fino a diventare, negli anni ’60, il volano finanziario (con lo sconto delle cambiali) per lo sviluppo del turismo riminese.

Purtroppo la Legge Amato (anno 1990), che voleva trasformare l’attività delle Casse di Risparmio in società per azioni per favorirne l’aggregazione e creare soggetti forti per competere sul mercato del danaro, ha prodotto un effetto contrario cioè ha minato la solidità delle Casse di Risparmio.

La medesima legge prevedeva poi, che il “patrimonio”, di proprietà delle comunità locali, fosse “versato” nelle Fondazioni che avrebbero dovuto rappresentare la “cassaforte” della comunità locale stessa.

Purtroppo gli obiettivi del Legislatore non sono stati raggiunti e la legge Ciampi, del 1998, che ha previsto la perdita del controllo delle Casse di Risparmio spa da parte delle Fondazioni, ha inferto il colpo finale decretando la fine delle Casse di Risparmio, Rimini compresa.

La tragedia riminese era, però, stata prevista da molti consiglieri storici della banca, cioè da quelli che credevano in un sistema bancario da amministrare secondo i principi e valori di Raffaele Mattioli e di Einaudi piuttosto che a quelli di Fazio.

Purtroppo molti cittadini e, soprattutto, la politica sono rimasti sordi al grido di allarme e non sono stati capaci di fermare il default della Cassa di Risparmio di Rimini che ha avuto inevitabili ripercussioni sul patrimonio della Fondazione.

Ora la Cassa di Risparmio non c’è più, si chiama Crédit Agricole, comandano i francesi e non è più la banca del territorio.

La Fondazione ha ridotto notevolmente l’influenza sulla città … dai milioni di euro che distribuiva è passata a qualche centinaia di migliaia di euro … una miseria si potrebbe dire. Da questa situazione riparte il neo Presidente, arch. Mauro Ioli, al quale inviamo un “in bocca al lupo” perché sappia far riconquistare, alla Fondazione, il prestigio perduto.

Notizie correlate
di Redazione