Indietro
menu
Senza pagare sovraprezzo

Bici pieghevoli e monopattini sul Metromare. La richiesta del Comune di Rimini

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 23 lug 2020 11:57 ~ ultimo agg. 12:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A bordo del Metromare e sui mezzi del trasporto pubblico locale portando con sé il proprio monopattino o le bici pieghevoli: è la richiesta che il Comune di Rimini ha avanzato a Amr – Agenzia Mobilità Romagnola, l’agenzia che regola il trasporto pubblico locale del territorio, che a breve, di concerto con il gestore del servizio, dovrebbe ufficializzare questa innovazione a favore degli utenti.

Nel dettaglio si prevede la possibilità per chi utilizza gli autobus e il Metromare – che tornerà ad essere operativo da sabato 25 luglio – salire a bordo con il monopattino o con le bici esclusivamente pieghevoli, senza pagare nessun sovraprezzo. Questa possibilità non riguarda i monopattini in sharing, che possono essere utilizzati solo in ambito urbano e in zone precise, dunque non possono essere trasportati sui bus.

“Un passo avanti nella direzione della integrazione tra le varie modalità di trasporto green – sottolinea l’assessore alla mobilità del Comune di Rimini. Attendiamo le risposte dai soggetti competenti, ma confidiamo di poter rendere concreta questa opportunità già auspicabilmente a partire dalla prossima settimana. Si tratta di un’occasione per incentivare ulteriormente l’utilizzo del trasporto pubblico locale e promuovere la possibilità di potersi spostare anche su medie distanze, lasciando l’auto in garage, sfruttando la messa in rete di tpl e percorsi ciclopedonali che collegano il territorio. E’ guardando al Metromare che s’intravedono le maggiori potenzialità, sia per i turisti sia per i lavoratori pendolari: lo scatto in avanti decisivo in questa direzione ci sarà quando saranno a disposizione gli Exqy city, i nuovi mezzi che saranno operativi nei prossimi mesi e sui quali sarà possibile caricare a bordo tutte le tipologie di biciclette e non solo quelle pieghevoli. La promozione della mobilità attiva, sostenibile e sicura, anche alla luce degli scenari aperti dal Covid, rappresenta la vera sfida di oggi per migliorare la qualità urbana e di conseguenza la qualità della vita dei cittadini”.

Altre notizie
di Redazione
Tra troppe presunte certezze

Andrà tutto boh!

di Gianluca Angelini
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione