Indietro
menu
Per i servizi non fruiti

Rimborsi abbonamenti Start, Federconsumatori si attiva

In foto: un autobus Start
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 29 giu 2020 11:49 ~ ultimo agg. 11:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In assenza di risposte concrete, Federconsumatori Rimini fa sapere di avere avanzato le prime richieste di rimborsi per abbonamenti ai servizi di Start Romagna non fruiti durante il lockdown e di essere a disposizione per assistere le famiglie interessate dalla vicenda. Per informazioni si può contattare l’ufficio di Segreteria di Federconsumatori Rimini dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 12.00 al numero 0541.779989.


L’intervento di Federconsumatori Rimini:

La chiusura di scuole ed attività lavorative ha causato una notevole riduzione dei passeggeri ed il servizio svolto è stato funzionale, quasi esclusivamente, alle necessità di spostamento degli addetti ai servizi essenziali, con conseguente forte riduzione di introiti. Gli studenti ed i lavoratori che non hanno potuto usufruire degli abbonamenti già acquistati si sono trovati, senza alcuna responsabilità, nell’impossibilità di utilizzare il servizio e, di conseguenza, hanno chiesto alle competenti società rimborsi o voucher a seconda delle particolari esigenze specifiche.

Ad oggi però – prosegue Federconsumatori – non sono state ancora fornite risposte in merito alle richieste avanzate dai consumatori. Dopo le prime settimane di incertezza è stata sancita la chiusura definitiva dell’anno scolastico 2019/2020 mediante la cd. “didattica a distanza”, cui doveva far seguito l’immediato rimborso della parte di abbonamento al trasporto pubblico scolastico non utilizzato.

Nessun rimborso, però, è stato accordato, né tantomeno sono state adottate misure volte a tutelare i consumatori colpiti, nonostante il settore del traporto pubblico locale sia stato oggetto di un provvedimento recentissimo della Regione Emilia Romagna con cui si è reso gratuito il trasporto pubblico agli under 14 a partire dal prossimo mese di settembre.

Nel silenzio delle istituzioni e delle società interessate, Federconsumatori ha ritenuto opportuno intervenire a tutela di quelle famiglie che hanno sostenuto costi – a volte ingenti – per garantire il trasporto scolastico ai propri figli; pertanto, sono state formulate specifiche richieste di rimborso al gestore locale, su cui si attende un pronto riscontro.

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
VIDEO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna