Indietro
menu
Lascia Santarcangelo

Don Andrea Turchini nuovo rettore del Pontificio Seminario Regionale di Bologna

In foto: Don Andrea Turchini intervistato da Icaro Tv
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 5 giu 2020 21:31 ~ ultimo agg. 6 giu 21:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Don Andrea Turchini non sarà più parroco a Santarcangelo. E’ stato infatti nominato nuovo Rettore del Pontificio Seminario Regionale Flaminio di Bologna. I Vescovi delle arcidiocesi di Bologna, di Ferrara e delle diocesi della Romagna hanno designato don Andrea a tale incarico e la nomina ufficiale “ad quinquennium” da parte della Santa Sede è stata notificata con una lettera datata 3 giugno.
Si tratta del secondo sacerdote riminese designato a ricoprire questo incarico. In precedenza era toccato, dal 1958 al 1971, a don Nevio Ancarani.

Don Andrea ha affidato anche a un articolo sul suo blog Tecnodon il saluto alla comunità di Santarcangelo.

A subentrare a Don Andrea sarà Don Giuseppe Bilancioni, finora parroco della parrocchia San Raffaele di Rimini, che si inserirà nella comunità sacerdotale già formata da don Giancarlo del Bianco, don Luca Torsani e don Ugo Moncada. Quest’ultimo viene nominato parroco di San Vito, a seguito della morte del precedente parroco don Giuseppe Celli. Questo consentirà, spiega la Diocesi, di rafforzare il legame pastorale tra le comunità di San Vito e Sant’Arcangelo.
Don Luca Torsani è nominato invece vicario parrocchiale della parrocchia di Santarcangelo. Infine Don Eugenio Savino subentrerà a Don Giuseppe Bilancioni come parroco della parrocchia di San Raffaele e proseguirà una stretta collaborazione con don Renato Bartoli e con la parrocchia del Crocifisso, dove era precedentemente vicario parrocchiale.

“Il Vescovo – spiega la Diocesi – ringrazia di cuore questi nostri fratelli e amici per la disponibilità e la cordiale fiducia che hanno espresso nell’assumere responsabilità non facili da assolvere, nella fondata certezza che troveranno Comunità che sapranno accoglierli e sostenerli nel loro prezioso e delicato servizio. Noi crediamo che quanto dà serenità nel servizio pastorale è la certezza di rispondere ad una chiamata di Gesù e di offrire il proprio umile contributo per il rinnovamento missionario delle nostre comunità”.

Il prima possibile saranno poi comunicate anche le date di inserimento dei sacerdoti nelle singole comunità.

 
Notizie correlate
di Redazione   
di Lamberto Abbati