Indietro
menu
Coronavirus Rimini Misano

Scuola San Giovanni Bosco a Misano: genitori preoccupati per costi e futuro

In foto: la scuola
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 30 mag 2020 09:53 ~ ultimo agg. 09:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I genitori della scuola d’infanzia paritaria “San Giovanni Bosco” di Misano esprimono la loro preoccupazione per il presente, riferendosi ai costi proibitivi dei centri estivi che la scuola ha dovuto praticare, e al futuro: se la scuola, che come tutte le paritarie si trova in un momento di incertezza, non riuscisse a riprendere l’attività a settembre, che ne sarà dei bambini?

La lettera è inviata al Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, al Presidente della Provincia di Rimini Riziero Santi, al Sindaco di Misano Adriatico Fabrizio Piccioni; al Vice-Sindaco di Misano Adriatico Maria Elena Malpassi, al Vescovo di Rimini monsignor Francesco Lambiasi.


Gentilissimi,
siamo i genitori dei bambini della scuola dell’infanzia paritaria “San Giovanni Bosco” di Misano Monte. I nostri figli sono a casa come tutti gli altri dal 22 febbraio, abbiamo seguito con apprensione ogni passo di questa ripartenza e siamo felici che molte delle proposte per non dimenticare i bambini provengano proprio dai rappresentanti della nostra regione. Sono uscite le linee guida del dipartimento politiche per la famiglia con le indicazioni per i centri estivi dedicati ai bambini della fascia 3-6 anni e anche il protocollo regionale. La nostra scuola ci ha comunicato oggi come ha potuto adeguarsi per poter garantire almeno per luglio e agosto il servizio. Trattandosi di una scuola paritaria può contare solo sulle proprie forze e su quelle delle famiglie che la sostengono perché ad oggi non sono stati stanziati finanziamenti certi da parte delle Istituzioni per coprire i costi fissi e i maggiori costi dovuti alle misure anti-covid.
Con grande fatica il comitato della scuola ha quindi dovuto porre alle famiglie condizioni a dir poco proibitive: una retta mensile di 600 euro per un servizio dalle 7.30 alle 13.00 senza mensa, un numero minimo di 15 bambini per partire e un numero massimo di 20. Nonostante una retta più che raddoppiata, lo stesso comitato ha già stimato una notevole perdita economica alla fine dell’estate per la scuola.
Ci chiediamo come sia possibile per una famiglia accettare queste condizioni. Il governo ci ha parlato di bonus babysitter, convertibile in bonus centri estivi, 1200 euro a famiglia, ma le modalità di richiesta ed erogazione non ci sono affatto chiare e sembra che molti ne possano rimanere esclusi.
La Regione è al terzo anno del programma conciliazione lavoro-vita famigliare. La nostra scuola ha partecipato l’anno scorso al bando come ente gestore e anche quest’anno, pur non sapendo le condizioni in cui avrebbe dovuto lavorare. Anche questo contributo però sappiamo bene che non è accessibile a tutte le famiglie. In ogni caso, anche riuscendo a mettere insieme concretamente questi aiuti, la nostra scuola questa estate sarà in grado di rispondere a 20 dei 55 bambini iscritti. Cosa
faranno gli altri? Inoltre abbiamo tutti versato la quota di iscrizione per l’anno scolastico 2020/21 e le iscrizioni alle scuole comunali e statali sono già chiuse…se la scuola San Giovanni Bosco non fosse in grado di riaprire a settembre dove andranno tutti questi bambini?
Sappiamo che siete al lavoro per garantire il diritto alla scuola a tutti i bambini di Misano Adriatico.
Sappiamo che non vi state scordando della scuola dell’infanzia San Giovanni Bosco, del servizio e della risposta educativa che dà a tanti bambini e a tante famiglie da tantissimi anni. Ci è stato detto che andranno fatte delle scelte e date delle priorità, ma i bambini sono tutti uguali.
Non potete lasciarci da soli in questo momento. C’è tanta passione e amore per il proprio lavoro in questa scuola paritaria, disponibilità di famiglie e maestre a fare il possibile, ma abbiamo bisogno di una mano! Anche i nostri bambini hanno diritto ad andare a scuola, alla socialità, a stare insieme dopo tanti mesi di restrizioni.
Restiamo, fiduciosi, in attesa di una vostra risposta.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna