Indietro
menu
Il virus non è sconfitto

L'anestesista: se sarete bravi voi e lo saremo noi, al mare torneremo presto

In foto: Matteo Ridolfi in una sala operatoria che era stata trasformata in rianimazione
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 4 mag 2020 12:33 ~ ultimo agg. 19:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nel primo giorno della Fase 2 continuano ad arrivare appelli da chi in questi mesi ha combattuto in prima linea contro il coronavirus. Il dottor Matteo Ridolfi, anestesista e rianimatore dell’ospedale Infermi, spiega che “il Covid-19 non è ancora stato sconfitto e solo il distanziamento sociale rappresenta ad oggi l’unica misura veramente efficace e può dare a noi sanitari impegnati in prima linea il tempo per curare al meglio tutti. Un altro picco di contagio – dice – come quelli di due mesi fa non sarebbe più affrontabile con efficacia.” L’appello ai cittadini è quello di dimostrare senso di responsabilità nel ritorno lento alla normalità dopo due mesi di lockdown.

Ai concittadini – scrive Ridolfi in un post che lo ritrae in una di quelle sale operatorie che erano state trasformate in rianimazione e ora tornano al primario utilizzo – che fremono per andare al mare e si lamentano dei divieti che ancora li fermano dico: TENETE BOTTA! Il mare manca anche a me, non sapete quanto, ma se sarete bravi voi e saremo bravi noi, al mare ci andremo presto, tutti, e sarà ancora più bello.”

Notizie correlate
le manifestazioni di cordoglio

Morto l'imprenditore Luigi Valentini

di Redazione   
di Redazione